Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Willy, processo sull'omicidio di Colleferro, Gabriele Bianchi: «Non l'ho toccato neanche con un dito»

Il giovane ha rilasciato dichiarazioni spontanee e ha detto anche che Willy merita giustizia

Giovedì 26 Maggio 2022
Willy, processo sull'omicidio di Colleferro, Gabriele Bianchi: «Non l'ho toccato neanche con un dito»
1

Chi ha ammazzato Willy? L'imputato al processo sull'omicidio di Willy Monteiro Duarte dice di non averlo toccato con un dito. «Willy non l'ho toccato nemmeno con un dito. Io non sarei stato in grado, nemmeno se lo avessi voluto, di fare quello di cui mi si accusa». È quanto affermato nel corso di dichiarazioni spontanee davanti alla Corte d'Assise di Frosinone da Gabriele Bianchi, uno dei quattro accusati dell'omicidio di Willy Monteiro Duarte, il giovane massacrato di botte a Colleferro nel settembre del 2020. Per Bianchi e suo fratello Marco la procura di Velletri ha sollecitato l'ergastolo.

Il giovane di Artena ha poi aggiunto che «Willy merita giustizia come la merita la sua famiglia. Vorrei poter tornare a quella maledetta notte e cambiare tutto. Io sogno ancora di tornare dalla mia famiglia e crescere mio figlio». Per gli altri imputati Francesco Belleggia e Mario Pincarelli la Procura ha sollecitato una condanna a 24 anni.

Ultimo aggiornamento: 11:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci