Roma, 27 arresti in due gruppi di italo-albanesi per traffico di droga ed estorsione: un capo era "vicino" a Diabolik

Entrambi i gruppi sono risultati stabilmente dediti all'attività di smercio di consistenti quantitativi di sostanza del tipo cocaina e hashish

Martedì 18 Gennaio 2022
Arresti in due gruppi di italo-albanesi per traffico di droga ed estorsione: un capo era "vicino" a Diabolik

Associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti aggravata dal metodo mafioso, cessione e detenzione ai fini di spaccio, estorsione, danneggiamento a seguito di incendio, detenzione e porto in luogo pubblico di armi da fuoco. Sono le accuse contro 27 persone arrestate stamattina a Roma in un'operazione dei carabinieri del comando provinciale di Roma che hanno eseguito un'ordinanza emessa dal gip su richiesta della Dda. 

Diabolik, la camorra e le due pistole: la pista per la fine del Diablo

Diabolik, arrestato il killer: "er Mafia", l'ex capo ultrà della Roma, provò a mettere pace prima del delitto

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma e quelli del Nucleo Investigativo di Frascati, lavorando in stretta sinergia, hanno ricostruito, dettagliatamente, le vicende criminali di due gruppi italo-albanesi in conflitto tra loro, dotati di una solida struttura organizzativa e con la disponibilità di armi da fuoco pronte all'uso. Il capo di uno dei due gruppi, arrestato dai carabinieri, è risultato "vicino" a Fabrizio Piscitelli, conosciuto con il soprannome di Diabolik, e ucciso il 7 agosto 2019 al parco degli Acquedotti di Roma. Entrambi i gruppi sono risultati stabilmente dediti all'attività di smercio di consistenti quantitativi di sostanza del tipo cocaina e hashish destinati alle più fiorenti piazze di spaccio.

 

 

Ultimo aggiornamento: 07:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci