Olbia, trovata morta per overdose, la mamma a Chi l'ha Visto: «L'ex mi ha detto "Ammazzo anche te"»

Giovedì 16 Gennaio 2020
Trovata morta per overdose, la mamma a Chi l'ha Visto: «L'ex mi ha detto 'Ammazzo anche te'»
1
Selene Barbuscia è stata trovata morta in un appartamento di Olbia quest'estate. Chi l'ha Visto? ripercorre la sua vicenda, mentre la mamma non si rassegna. La 31enne è sempre stata irrequieta e ha conosciuto persone sbagliate, ma non si sarebbe mai tolta la vita. Voleva trovare un buon lavoro e riprendersi suo figlio. Due giorni prima aveva sporto una denuncia e in un audio inviato alla mamma parlava di quattro persone contro di lei. Ai microfoni di Chi l'ha Visto la mamma lancia un appello affinché chi sa parli.

Selene era piena di vita, ma non riusciva a stare mai ferma. Era anche finita sui giornali per le sue fughe. Nel 2005 la sua scomparsa fu trattata anche da Chi l'ha Visto? Nel pomeriggio del 6 luglio è stata trovata morta in un appartamento di Olbia in un palazzo fatiscente. L'hanno trovata per terra, non sul letto e con le braccia alzate. L'autopsia ha parlato di dose massiccia iniettata nel braccio. «Lei aveva terrore degli aghi», dice la mamma. Dalla sua stanza sono anche sparite 1400 euro.


Selene si era confidata con la mamma dicendo che aveva paura. «Mi vedrai morta mamma, aiutami - le aveva detto poco prima di morire - Sono in quattro e sono da sola». «Sono convinta che è stata picchiata prima, presa per i capelli e sbattuta a terra». Le foto del corpo sono impressionanti e dalle indagini della mamma è emerso che in molti l'avevano vista litigare con l'ex fidanzato. Quando è andata per fare domande a lui, l'uomo le ha chiuso il cancello contro il ginocchio costringendola all'intervento. «Mi ha fatto male, ha detto anche "Ti ammazzo anche a te". Era come allucinato». 

La trasmissione ha raggiunto l'uomo per avere la sua versione dei fatti: «La madre mi è venuta in casa con un coltello e un martello e io mi sono difeso. Io non ho mai alzato le mani su Selene, ma lei era una grande bugiarda». «Chi sa parli, basta con questo muro di omertà. Non accetterò mai che una ragazza riesca a denunciare e poi a morire dopo due giorni», ha concluso la mamma. 
  Ultimo aggiornamento: 09:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA