Bocciato in prima media, il padre presenta ricorso e i giudici lo "promuovono"

Venerdì 22 Novembre 2019
Bocciato in prima media, i giudici lo
12

Bocciato dai professori, promosso dai giudici. Succede in provincia di Cremona, dove uno studente - bocciato l'anno scorso in prima media - è stato ammesso in seconda solo grazie all'intervento dei giudici del Consiglio di Stato. I magistrati hanno accolto il ricorso presentato dal legale del padre contro il Miur e l'istituto scolastico, a cui in primo grado il Tar di Brescia aveva dato ragione. Lo riporta oggi la Provincia di Cremona.

LEGGI ANCHE Alunno bocciato due volte, gli vietano di iscriversi alla scuola media

Ora, per altro a lezioni incominciate da ormai due mesi, il ragazzino - se deciderà di farlo - potrà frequentare la seconda. Lo stabilisce l'ordinanza della sesta sezione del Consiglio di Stato, che sancisce di fatto come principio che non è giuridicamente possibile bocciare in prima media. Almeno, non per ragioni attinenti al rendimento scolastico. Ecco il motivo messo nero su bianco: «L'ammissione alla classe successiva nella scuola secondaria di primo grado deve fondarsi su un giudizio che faccia riferimento a periodi più ampi rispetto al singolo anno scolastico, anche nel caso di parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento attesi in una o più discipline».

Ultimo aggiornamento: 10:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA