Coronavirus, a Mauritius sbarco vietato per 40 lombardi e veneti

Lunedì 24 Febbraio 2020
Coronavirus, alle Mauritius fermo aereo con 300 italiani a bordo: lombardi e veneti non sbarcano
3

L'allarme per la diffusione del coronavirus in Nord Italia è arrivato fino a Mauritius, rovinando le vacanze ad un gruppo di connazionali. Nell'isola paradiso dell'Oceano Indiano le autorità hanno impedito lo sbarco a 40 passeggeri lombardi e veneti atterrati su un volo Alitalia, offrendo loro due opzioni: o la quarantena a terra o il rientro immediato. 

Coronavirus, Assoviaggi: 50mila cancellazioni e boom rimborsi

Tutti hanno scelto di tornare indietro. Il volo AZ 772 Roma-Mauritius è atterrato regolarmente all'aeroporto locale alle 7.45 italiane, con a bordo 212 passeggeri e 12 membri dell'equipaggio, tra cui 40 passeggeri provenienti da Lombardia e Veneto, le due regioni dove si registrano i principali focolai del coronavirus in Italia. La presenza a bordo di questo gruppo ha convinto le autorità locali ad emettere un ordine restrittivo nei loro confronti, impedendone lo sbarco. A meno di non sottoporsi ad un periodo di quarantena nell'isola, quindi almeno 14 giorni.

Nonostante nessuno avesse manifestato alcun sintomo. In alternativa, è stato proposto di riprendere il volo per fare immediato rientro in Italia. A tutti gli altri, invece, è stato consentito lo sbarco, senza quarantena. Scelta anche questa discutibile viste le lunghe ore di viaggio trascorse insieme. Per i 40 in arrivo da Lombardia e Veneto è stata una brutta sorpresa: Mauritius avrebbero preso questa decisione in modo improvviso, se si considera che non hanno dato alcuna comunicazione preventiva ad Alitalia, come ha spiegato in seguito la compagnia in una nota. A quel punto, la prospettiva di trascorrere le agognate vacanze chiusi in un ospedale è stata scartata, così i passeggeri delle due regioni hanno chiesto di rientrare. 

CNA Roma: allarme Coronavirus, subito misure per aiutare le imprese

Alitalia, in coordinamento con la Farnesina, «ha coinvolto le autorità competenti al fine di chiarire l'eventuale sussistenza di limitazioni alla mobilità dei cittadini italiani». Ed ha predisposto il volo di rientro in Italia. Un altro italiano è stato bloccato nel sud della Francia, sempre a causa della paura del coronavirus. Si tratta dell'autista di un pullman della compagnia Flixbus, partito da Milano e diretto a Lione, dove tra l'altro dopodomani la Juventus e i suoi tifosi sono attesi per gli ottavi di Champions. Una passeggera, allarmata da una forte tosse del conducente, ha chiamato la polizia, che ha fatto scattare il protocollo d'emergenza.

All'arrivo in un'autostazione di Lione le autorità sanitarie hanno disposto un perimetro di sicurezza intorno al pullman ed hanno impedito a tutti di scendere per alcune ore. Nel frattempo sono scattati i controlli anche per le persone scese alla fermata precedente, Grenoble (il mezzo aveva fatto un primo stop a Torino). L'autista è stato poi trasportato in ospedale, secondo i media locali insieme con un passeggero che avrebbe avuto influenzali meno marcati. In serata l'allarme è cessato perché il test per il Covid-19 condotto sull'italiano è risultato negativo, hanno spiegato le autorità sanitarie regionali, chiarendo che «nessuno dei passeggeri ha avuto sintomi».
 

Ultimo aggiornamento: 25 Febbraio, 08:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA