Sabato 29 Dicembre 2018, 07:11

Autonomia, altolà di Zaia: «Non firmo un'intesa annacquata»

Autonomia, l'altolà di Zaia: «Io  non firmo una intesa annacquata»

di Angela Pederiva

Una settimana dopo aver registrato l'incardinamento (e non l'approvazione) in Consiglio dei ministri, Luca Zaia ascolta il nuovo annuncio del premier Giuseppe Conte sull'autonomia. Non è tutta musica per le orecchie del presidente del Veneto: un altro mese e mezzo di «riflessioni interne», la frenata sul trasferimento di tutte le competenze nelle materie pur caratterizzate da «potestà legislativa concorrente Stato-Regioni». Stretto fra l'incudine della lealtà istituzionale verso il...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Autonomia, altolà di Zaia: «Non firmo un'intesa annacquata»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 92 commenti presenti
2018-12-29 19:08:42
Piu' il potere e' centralizzato e piu' e' difficile controllarlo;la centralizzazione e' nemica della Democrazia,della liberta' individuale.
2018-12-30 08:41:03
Zaia risolvi il problema del PFAS grazie. Nn distrarre le masse (che in veneto hanno ram molto breve) dai tuoi problemi
2018-12-30 00:30:49
La maggioranza degli ELETTORI (attenzione: non solo dei votanti!) si pronunciata chiaramente A FAVORE dell'autonomia, e questo toglie alla politica ogni alibi per non concederla, salvo manifestarsi apertamente come centralista e antidemocratica. E questo non e' cosa da poco.
2018-12-30 00:35:54
E' esattamente il contrario. Secondo uno studio di Unioncamere Veneto, risulta che se le amministrazioni regionali avessero prestazioni allo stesso livello della Lombardia e quelle degli enti locali del Veneto, "le spese di funzionamento delle amministrazioni pubbliche potrebbero ridursi di 32 miliardi, cioe' del 13%, grazie a un taglio del 19% a livello statale, del 16% nei territori autonomi e del 9% negli ambiti locali." Non solo, ma: "al momento a pesare, come rilevano i ricercatori, e' pure l'elevato indebitamento che grava sulle amministrazioni CENTRALI: al netto dei titoli pubblici, che emette per coprire il fabbisogno della pubblica amministrazione, lo Stato CENTRALE presenta un livello di indebitamento piu' che triplo rispetto a quello di Regioni, Province e Comuni." (dall'edizione cartacea di venerdi' scorso, ma ci voleva poco ad immaginarlo)
2018-12-29 09:45:16
Momento cruciale per Zaia e per la Lega in Veneto. Vinse le elezioni regionali giocando le sue carte sulla confusione terminologica tra autonomia e indipendenza, ben consapevole che quest'ultima vogliono i veneti ma ovviamente non la Lega che è un partito italiano. Con un abile gioco di prestigio poi, una volta eletto, seppe trasformare i voti incostituzionali che i veneti avevano già espresso in favore dell'indipendenza al di fuori dei canali istituzionali, in voti costituzionali e regolarmente espressi in favore dell'autonomia. Dell'autonomia però, non di una relativa maggiore autonomia. E sono convinto che alle orecchie di molti suoi elettori la parola autonomia suoni ancora come indipendenza. Molti si sentiranno traditi, soprattutto se Zaia riuscirà a ottenere da Roma solo qualche contentino. Come si dice, i nodi vengono al pettine.