Superstite di Auschwitz costretta a scappare dall'Ucraina: «Sopravvissuta a Hitler e Stalin, sopravviverò a Putin»

Anastasia Gulej non avrebbe voluto lasciare il Paese, ma le è stato consigliato di andare via a causa della vicinanza della sua abitazione a un aeroporto

Mercoledì 20 Aprile 2022
Superstite di Auschwitz costretta a scappare dall'Ucraina: «Sopravvissuta a Hitler e Stalin, sopravviverò a Putin»
1

Anastasia Gulej è già sopravvissuta una volta all'orrore della guerra, quando nel 1945 fu internata dai nazisti ad Auschwitz. Oggi, a 96 anni, la donna ucraina è costretta a rivivere un dramma simile: la sua casa è vicina a un aeroporto militare, considerato obiettivo sensibile, così è stata costretta a emigrare in Germania insieme ai figli Wassyl e Walentyna. Anastasia è stata invitata alla celebrazione del 77esimo anniversario della liberazione del campo di concentramento di Bergen-Belsen, dove ha parlando di «genocidio russo in Ucraina» e ha dichiarato: «Sono sopravvissuta a Hitler e Stalin, sopravviverò anche a questo str*nzo di Putin».

Mariupol, nell'acciaieria in mezzo a due fuochi: per donne e bambini il dramma nei tunnel

 

Anastasia Gulej, sopravvissuta ad Auschwitz, costretta a scappare dall'Ucraina

La storia di Anastasia Gulej si intreccia anche a quella di Anna Frank, che ha incrociato a Bergen-Belsen. All'epoca aveva 19 anni, mentre l'autrice del celebre "Diario" solo 15. Nel 1945 Anastasia fu spostata da Auschwitz al campo di concentramento tedesco, dove ottenne la libertà grazie all'arrivo delle truppe britanniche e canadesi. Nello stesso campo di sterminio perse la vita Anna Frank. Anastasia ha dichiarato: «Non posso dimenticare un solo minuto che ho passato qui ad aspettare la morte». E poi, parlando della liberazione, ha aggiunto: «Non avevo nemmeno abbastanza forza per provare gioia».

 

 

A proposito della guerra in Ucraina, Anastasia Gulej ha detto: «Non ho parole per descrive quello che gli ammiratori di Hitler hanno fatto a Mariupol e Bucha». La superstite di Auschwitz non avrebbe voluto lasciare l'Ucraina dopo l'invasione della Russia, ma le è stato consigliato di andare via a causa della vicinanza della sua abitazione a un aeroporto. Così, aiutata da amici tedeschi, la donna è scappata in Germania insieme ai suoi due figli. La sua biografia doveva essere pubblicata lo scorso mese, ma verrà integrata con un altro capitolo sulla sua fuga dall'Ucraina.

 

Ultimo aggiornamento: 18:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci