Covid, in Germania 60% dei dipendenti si sottopone a test sul lavoro

Mercoledì 9 Giugno 2021
Covid, in Germania 60% dei dipendenti si sottopone a test sul lavoro

In Germania circa il 60% dei dipendenti si sottopone a test per la rilevazione del Covid-19 sul proprio post di lavoro. A rivelarlo è l'indagine ifo Business Survey di maggio. «Con circa il 70% dei dipendenti che tornano al lavoro in presenza, i test sono un modo importante per combattere la pandemia», dice Oliver Falck, direttore dell'ifo Center for Industrial Organization and New Technologies. «Questo copre i contatti non solo sul posto di lavoro, ma anche durante il tragitto. Soprattutto nelle aree con una casistica più pesante di coronavirus, i datori di lavoro dovrebbero incoraggiare i loro dipendenti a fare il test più spesso sul posto di lavoro». Il più alto tasso di test al lavoro è tra i dipendenti dei fornitori di servizi, al 61,9%, seguito dal commercio all'ingrosso al 61,3%. Nel settore manifatturiero, la cifra è 59,3%; nel commercio al dettaglio, 55,5%. I test sul lavoro sono meno diffusi nell'industria delle costruzioni, dove la percentuale è del 52,7%. 

Germania, vaccino solo a ragazzi a rischio: la raccomandazione delle autorità

Alle aziende è stato recentemente richiesto di offrire test in sede ai loro dipendenti, e il 93,0% delle aziende lo sta facendo. Nel 4,6% delle aziende, i dipendenti lavorano ancora da casa, mentre il 2,3% delle aziende non è ancora riuscito a implementare i test in sede. Nel settore manifatturiero, il 98,9% delle aziende offre test sul posto di lavoro, nell'edilizia il 95,9%, nel commercio all'ingrosso il 95,2% e nel commercio al dettaglio il 93,1%. Tra i fornitori di servizi, la cifra è dell'88,8%; tuttavia, l'8,3% dei dipendenti lavora in remoto.

Ultimo aggiornamento: 10 Giugno, 09:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA