Afghanistan, attentato vicino a una moschea di Kabul: almeno 12 morti e 32 feriti. Si scuote il potere talebano

All'interno della struttura si celebrava il funerale della madre del portavoce dei Talebani

Domenica 3 Ottobre 2021
Afghanistan, attentato vicino a una moschea di Kabul: almeno 12 morti e 32 feriti
1

Un ordigno scuote il potere talebano a Kabul: è di diversi morti e feriti il bilancio di un attentato compiuto nel giorno in cui i nuovi padroni della capitale hanno celebrato la vittoria e che ha preso di mira i funerali della madre del portavoce, Zabihullah Mujaid. Una bomba, secondo le informazioni disponibili, è esplosa all'ingresso della moschea Eid Gah, la seconda della capitale afghana a poca distanza dal Palazzo Presidenziale e dal ministero della Difesa, mentre i fedeli si recavano alla cerimonia funebre. Il corrispondente di al Jazeera ha riferito di un bilancio provvisorio di almeno 12 morti e 32 feriti, tutti civili.

Afghanistan, l'università di Kabul vietata alle donne: l'annuncio dei talebani

Attentato a Kabul, tre arresti

I Talebani avrebbero arrestato tre persone in connessione con l'attentato che non è stato rivendicato anche se i sospetti, ancora una volta, si puntano sull'Isis-K. Nell'area della moschea «è scoppiato il panico», riferiscono i testimoni. Diverse persone con gli abiti imbrattati di sangue sono state viste dirigersi verso l'ospedale di Emergency, che conferma di avere in cura alcuni feriti. Poche ore prima, oltre 1.500 sostenitori del nuovo regime, tutti maschi, avevano partecipato al 'giorno della vittorià, organizzato dai Talebani nella cittadina di Kohdaman, sulle colline che sovrastano la periferia della capitale. Molti i dirigenti di alto livello presenti, tra questi ha spiccato l'intervento di Khalil Haqqani, ministro e uomo forte del nuovo governo, soprattutto fratello di Jalaluddin, fondatore della temibile e omonima Rete Haqqani, decisiva nell'odierno scacchiere afghano.

La reazione

«Questo è il giorno che aspettavamo», ha detto Haqqani, ricercato in Usa con una taglia da 5 milioni di dollari sulla testa. Col fucile poggiato sul leggio ha poi incitato i sostenitori a «proteggere» i risultati ottenuti sino a oggi. «Invito il mondo a lasciare l'Afghanistan all'Afghanistan», ha poi ammonito, attorniato da soldati in tenuta da combattimento, mentre gli altri ascoltavano seduti sulle sedie sotto alle tende. Non sono mancate le celebrazioni dei gesti più estremi, un oratore ha affermato che la vittoria è arrivata anche grazie «ai tanti giovani che si sono messi in fila e in lista per diventare attentatori suicidi». Nessuno ha rivendicato l'attacco alla moschea, ma quel che appare certo per modalità e tempistica è l'obiettivo: dimostrare che i Talebani non sono affatto padroni assoluti a Kabul. Non ancora almeno.

 

 

E la bomba di oggi è solo l'ultima scia di sangue, in ordine di tempo, nel Paese: solo ieri sera un altro attacco a Jalalabad aveva ucciso quattro persone, tra cui due civili. Intanto, emergono nuovi dettagli sulla vittoria del 15 agosto: i militari fedeli all'ex governo denunciano in una inchiesta de El Pais, di «essere stati venduti», e confermano le voci già circolate su veri e propria accordi sottoscritti tra i Talebani, gli alti ufficiali dell'Esercito e diversi 'Signori della guerrà, gli stessi a cui era stata affidata la «forza di resistenza popolare», creata negli ultimi giorni di potere del governo Ghani.

«Il nostro morale quando gli Stati Uniti hanno annunciato la loro partenza, è crollato ai minimi» e «si cominciò a combattere sempre meno», ha ammesso un ex colonnello. «Alcuni funzionari della guardia presidenziale avevano già trattato con i Talebani, che avevano acconsentito che in cambio della consegna delle armi e della resa non ci avrebbero ucciso. Come soldati, eseguivamo solo degli ordini».

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 22:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA