Aereo Ethiopian Airlines precipita, 157 morti, 8 italiani: lo schianto dopo il decollo

PER APPROFONDIRE: addis abeba, boeing, ethiopian airlines
Precipita aereo Ethiopian Airlines:
157 morti, 8 sono italiani
Un Boeing 737 della Ethiopian Airlines è precipitato stamattina tra Addis Abeba e la capitale del Kenya, Nairobi con 157 persone a bordo. Nessun sopravvissuto. Fra le vittime ci sarebbero anche otto italiani.

Lo schianto è avvenuto alle 8.44 locali, 6 minuti dopo il decollo, a una cinquantina di chilometri a sud della capitale etiope. L'aereo con 149 passeggeri e 8 membri dell'equipaggio, era diretto a Nairobi. Le cause dell'incidente non sono state ancora rese note. L'aereo un Boeing 737-800 Max, volo ET 302, è caduto alle 8.44 locali, vicino alla località di Bishoftu, a sud est della capitale etiope, appena 6 minuti dopo il decollo.

 

Nessun sopravvissuto tra le 157 persone a bordo dell'aereo. Lo ha reso noto la televisione di Stato dell'Etiopia, citando la compagnia aerea che ha reso noto anche che a bordo vi erano passeggeri di 33 nazionalità diverse.

 
 
 

Sarebbero 8 gli italiani che erano a bordo del Boeing precipitato. Lo riferiscono all'agenzia Ansa fonti qualificate. Mancano tuttavia ancora conferme ufficiali. Sono in corso verifiche da parte dell'Unità di crisi della Farnesina, che si è attivata fin dal primo momento, per accertare l'eventuale presenza di connazionali sul volo dell'Ethiopian Airlines precipitato dopo il decollo da Addis Abeba.

«Membri dello staff dell'Ethiopian Airlines - si legge in un comunicato della compagnia etiope - saranno inviati sul luogo dell'incidente e faranno il possibile per aiutare gli addetti all'emergenza».

 
L'ufficio del primo ministro etiope ha espresso «a nome del governo e del popolo etiope» le «più sentite condoglianze alle famiglie di coloro che hanno perso i loro cari» che si trovavano a bordo del volo di linea della Ethiopian Airlines. 

L'Ethiopian Airlines è considerata una delle migliori compagnie africane e gode di una buona reputazione in termini di sicurezza, sebbene nel 2010 - come ricorda la Bbc - un suo aereo precipitò nel Mar Mediterraneo dopo il decollo da Beirut, in Libano. Nell'incidente morirono 90 persone.




Il Boeing 737 max inoltre era nuovo e il modello è considerato all'avanguardia dell'industria aeronautica. Tuttavia è il secondo aereo di questo tipo a precipitare in pochi mesi. Era già successo lo scorso ottobre con un Boeing 737max della Lion Air caduto con 189 persone a bordo nel Mar di Giava poco dopo la partenza da Giacarta. 

La linea e lo scalo coinvolti nell'incidente sono spesso usati da italiani per raggiungere il Kenya. 


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 10 Marzo 2019, 10:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Aereo Ethiopian Airlines precipita, 157 morti, 8 italiani: lo schianto dopo il decollo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2019-03-11 08:01:42
Se non erro è il secondo incidente per un boeing 737 max-8, il primo ad ottobre del 2018 anche qui schianto subito dopo il decollo nessun sopravissuto, entrambi i veivoli costruiti nel 2016 e la boeing ne ha in cantiere cinquemila unità,credo che i due incidenti abbiano molto in comune ovvero lo schianto subito dopo il decollo,pare che i sensori di stabilizzazione dell'aereomobile vanno in tilt mandando il computer di bordo in panne,nel primo incidente quello del 2018 la boeing aveva imputato la causa al sensore che stabilizza l'areomobile che avendo mandato il computer in tilt abbassando il muso dell'aereo e nonostante le ventisei operazioni di recupero del velivolo da parte dei piloti lo stesso si è schiantato in mare a 700 km/h,ora la boeing consapevole del "difetto" ha emanato delle nuove procedure da effettuarsi in caso si presenti il problema legato ai sensori di stabilizzazione,in pratica ha detto ai suoi piloti si c'è un difetto ma se fate cosi e colà riuscite a riprendere il controllo del mezzo,pare però che i piloti dell'ethiopian airlines non avessero ancora ricevuto queste direttive,quindi secondo mè era meglio fermare questo tipo di aereo fino a quando non si è sicuri di aver risolto la questione,aereo di nuova costruzione nel nostro paere lo hanno in dotazione air italy(ex meridiana) e ryanayr,credo che chi usa spostarsi con l'aereo dovrebbe chiedere alla propria compagnia se l'aereo con cui viaggerà sia un BOEING 737 MAX-8 in caso meglio cambiare fino a quando non si risolverà la questione defitivamente,perchè se non sono stati fermati forse ne cadranno altri di questi aerei..ovviamente spero di sbagliarmi ..ma due in cosi poco tempo e per cause analoghe mi fanno pensare male.
2019-03-11 06:54:59
Airbus europeo concorrente ha smesso produzione.I mega aerei non sono piu'redditizi.
2019-03-10 18:25:13
Giulio54 sono sciocchezze...inoltre i piloti a volte non solo sono addirittura Europei (incluso italiani ex Alitalia) o Americani ma anche ex piloti delle loro aeronautiche militari con training importanti...quando succede qualcosa del genere sono o problemi meccanici o un'errore dei piloti - rari perché questi aerei sono praticamente autonomi in tutto e per tutto e forse questo e' il problema - oppure terrorismo incluso "hacking" dei controlli...
2019-03-11 07:27:01
I piloti certo (per quanto mi chiedo perche' un europeo o uno statunitense dovrebbe scegliere di volare per una compagnia etiopica ... non fosse altro per la scomodita' della sede) ma poi c'e' tutto il personale di terra, gli addetti alla manutenzione, al rifornimento e alla SICUREZZA
2019-03-10 17:33:14
Gilio54 non dica sciocchezze. Gli incidenti aerei sono sempre esistiti ed esisteranno sempre, sia nei paesi in via di sviluppo, che in quelli "sviluppati".