Coronavirus, reddito di emergenza in arrivo. Catalfo: rafforziamo quello di cittadinanza

Martedì 31 Marzo 2020
Coronavirus, reddito di emergenza in arrivo. Catalfo: rafforziamo quello di cittadinanza

«Sto lavorando a un reddito di emergenza per far arrivare redditi con procedura semplificata a tutte le famiglie in difficoltà», ha detto la ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo in un'intervista a Unomattina, confermando quanto anticipato dal Messaggero e ricordando che sono stati stanziati 400 milioni per i comuni per affrontare l'emergenza alimentare dovuta al blocco delle attività decisa a causa dell'emergenza Coronavirus. «Sto pensando, ha detto, a un rafforzamento del reddito di cittadinanza».

LEGGI ANCHE Coronavirus, attività ferme e lo spettro povertà: il sud può diventare una polveriera

«Conto nel decreto di aprile di rifinanziare in modo importante la cassa integrazione» e di allungarne la durata per altre settimane, ha aggiunto Catalfo sottolineando che al momento la cassa è prevista per nove settimane e che grazie all'accordo con l'Abi e i sindacati i primi assegni potranno partire in un paio di settimane.

Al termine della lunga videoconferenza con Inps, Abi e parti sociali Catalfo ha spiegato che «le parti sociali e l'Abi hanno sottoscritto, alla mia presenza e su mio invito, la convenzione per l'anticipazione degli ammortizzatori sociali previsti dal decreto Cura Italia. Un risultato molto importante grazie al quale milioni di lavoratori potranno vedersi riconoscere dalle banche una rapida anticipazione dell'importo del trattamento d'integrazione salariale che gli spetta».
 


«Tra i punti principali, la convenzione prevede che le banche aderenti adotteranno condizioni di massimo favore per evitare costi a carico dei lavoratori», sottolinea Catalfo. Alla videoconferenza hanno partecipato, oltre al presidente dell'Inps, Pasquale Tridico, e all'Abi, rappresentata dal direttore generale Giovanni Sabatini e dal vicedirettore Gianfranco Torriero, i segretari di Cgil, Cisl, Uil e Ugl; Confindustria, Confapi, Rete imprese Italia, Alleanza delle cooperative, Confagricoltura, Claai, Cia, Coldiretti, Confetra e Confedilizia.

LEGGI ANCHE Aiuti alle famiglie più bisognose Subito 400 mila euro a disposizione nel capoluogo

Grazie alla convenzione ai lavoratori i primi assegni di cassa potranno arrivare entro Pasqua, ha detto il ministro dell'Economia, Stefano Patuanelli intervistato da Radio24. «Ciò che conta è il tempo - ha detto - non potevamo attendere mesi per pagare la cassa. C'è stato un ottimo lavoro della ministra Catalfo con l'Abi e le parti sociali». 

Ultimo aggiornamento: 13:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA