Coronavirus, prezzi frutta e verdura alle stelle: mancano lavoratori nei campi. Vola domanda agrumi

Venerdì 17 Aprile 2020 di Carlo Ottaviano
Coronavirus, agricoltura: mancano lavoratori nei campi, il costo della spesa va alle stelle. Che cosa aumenta, che cosa cala

Limoni e arance su, fragole giù; cavolfiori in cima, finocchi indietro. A voler seguire i prezzi dei prodotti agricoli e alimentari sembra di stare sulle montane russe. L’emergenza coronavirus ha sconvolto i mercati e tra cause oggettive e speculazioni, fake news e smentite a non capirci più nulla sono i consumatori.

Bellanova: «Lotta al caporalato
Lievito, boom dei negozi ed enoteche: i settori avvantagiati dal lockdown

Di certo c’è che i prezzi di alcuni prodotti sono schizzati alle stelle. Gli agrumi più di tutto, essendo richiesti per il loro ricco contenuto di vitamina C. In un anno – ha rilevato Ismea – le arance tarocco hanno ottenuto un prezzo del 43,4% più alto, i limoni addirittura dell’89,9%.
 


QUALITÀ
Considerati quest’ultimi un disinfettante naturale la domanda è aumentata proprio mentre crollava la produzione in Spagna per il maltempo e la Turchia ne bloccava l’esportazione avendo deciso di trasformarli in prodotti sterilizzanti. I 70 centesimi al chilo nei mercati generali, sono così diventati quasi tre euro al dettaglio. Gli ortaggi che hanno segnato le crescite più alte di prezzo sono stati invece il cavolfiore (+ 75,2% in un anno) e le zucchine in serra (+ 52,1%). Per finocchi (-35,4%) e carote (-21,8 %) i cali maggiori. 
Coldiretti ha calcolato che mediamente l’aumento dei prezzi è stato 40 volte superiore quello dell’inflazione, affermando che si tratta di «un pericoloso segnale di allarme che alimenta anche speculazioni con compensi che in molti casi non coprono neanche i costi di produzione degli agricoltori». Influiscono – secondo Coldiretti - le difficoltà nelle esportazioni, la chiusura delle mense e dei ristoranti e la mancanza di lavoratori stranieri. L’altalena è comunque continua. 

DIFFERENZE
Ieri, per esempio, al mercato generale di Fondi le fragole valevano 3,50 euro al chilo contro i 5,50 della Settimana Santa; a Bergamo gli asparagi sono passati in pochi giorni da 8 euro a 5,70 al chilo, mentre a Padova si è mosso il prezzo – finora molto giù - delle mele, perché martedì sono riprese le spedizioni dal Trentino verso l’estero, contenendo così le quantità di prodotto disponibile in Italia. Dopo Pasqua – ha rilevato la Borsa della spesa di Italmercati che ogni giorno suggerisce gli acquisti più convenienti - i prezzi hanno comunque subito una leggera flessione, con un ottimo rapporto qualità/prezzo soprattutto per asparago, fragole, fave, piselli e lattughe. 

«Resta ancora il problema dell’impatto dei costi di trasporto – afferma Fabio Massimo Pallottini, presidente di Italmercati e del Car di Roma,il più grande mercato alimentare italiano – ma questo non porta certo a sconvolgimenti e non giustifica nessun tipo di allarmismo». I costi di trasporto potrebbero però ricadere nelle prossime settimane sui costi al dettaglio, stando al grido d’allarme lanciato da Salvatore Lentinello, presidente del consorzio del pomodoro Igp Pachino. «Gli autotrasportatori – afferma – ci hanno chiesto il 20% in più per ogni viaggio fino al 7 giugno perché i camion partono carichi dalla Sicilia e ritornano vuoti, essendo ferme le fabbriche del Nord».

ASSENZA
Ma sui consumatori – e prima ancora sui produttori – pesa la mancanza nelle campagne dei lavoratori immigrati stagionali. Ne mancano circa 300 mila e questo sta pesantemente influendo sulla raccolta di alcuni prodotti e sulle lavorazioni che solitamente si compiono in questa stagione. C’è il rischio di mettere a repentaglio le produzioni estive e la vendemmia. Già circa 600 mila sono gli irregolari vittime di caporali e malavita. 
«Senza furori ideologici o ipocrisie – ha detto ieri al Senato il ministro all’Agricoltura Teresa Bellanova, provocando subito la reazione del leader della Lega Matteo Salvini - abbiamo il dovere di una assunzione di responsabilità: o è lo Stato a farsi carico della vita di queste persone o sarà la criminalità a sfruttarla».
 

Ultimo aggiornamento: 11:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA