Cgil verso accordo per i nuovi vertici: Landini segretario generale, Colla vice

PER APPROFONDIRE: cgil, maurizio landini, vincenzo colla
Cgil verso l'accordo: Maurizio Landini  segretario generale, Colla suo vice
Accordo a un passo per il nuovo vertice Cgil: Maurizio Landini sarà il nuovo segretario generale e Vincenzo Colla vice. Al centro dell'accordo anche la composizione dell'intera segreteria confederale. Stamattina si riunisce la commissione elettorale, nell'ambito del 18/o Congresso nazionale della Cgil a Bari, che giovedì prossimo porterà appunto all'elezione del suo nuovo segretario generale, che succederà a Susanna Camusso. 



Nella proposta su cui si sta chiudendo l'accordo è previsto anche l'ingresso di un secondo vice segretario generale, donna. L'ipotesi è sul nome di Gianna Fracassi.

«Abbiamo trovato la soluzione per tenere unita la Cgil, lo voleva questa sala, la nostra gente, lo voleva anche il Paese». Lo dice il segretario confederale della Cgil, Vincenzo Colla: «Ho tolto la disponibilità a fare il segretario generale perché abbiamo fatto un accordo». A margine del congresso nazionale, spiega: «Ho voluto far di tutto per non rompere la Cgil, al voto andrà un unico segretario, che sarà il segretario di tutti». «La Cgil è la casa più importante che ha sempre tenuto insieme tutte le culture di sinistra, riformiste e, quindi, non potevamo permetterci, in un momento così delicato per il Paese, di indebolirci sul linguaggio della rottura», afferma Colla, sottolineando che «la mia storia non è mai stata una storia di rotture. Nei congressi ho detto che avrei fatto di tutto per non rompere la Cgil». Colla evidenzia anche «il pluralismo» della Cgil: «Abbiamo messo insieme i tanti 'iò, che fanno il 'noì di questa organizzazione. I tanti 'iò sono una realtà nella Cgil, fatta da persone, da pluralismi, da diversità, da una infinità di uomini e donne. Quei tanto 'iò noi li dobbiamo mettere insieme e fare il 'comè, che è il contenitore della Cgil, è quel quadratino rosso che noi vogliamo preservare sempre». Alla domanda, quindi, su quale sarà il suo ruolo, questo «lo deciderà il futuro segretario generale. Quando i congressi finiscono, tutti siamo a disposizione, un secondo dopo. Io non ho chiesto niente, ho detto teniamo unita la Cgil».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 23 Gennaio 2019, 08:13






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Cgil verso accordo per i nuovi vertici: Landini segretario generale, Colla vice
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2019-01-23 18:22:44
Una persona per bene.
2019-01-23 18:16:04
Attendiamo curiosi i dati di bilancio della CGIL, un affare di stato, a quanto pare. Per non parlare degli stipendi lauti della dirigenza.
2019-01-23 15:05:47
Ma la CGIL vale ancora qualcosa? Mi sembra che a questa organizxzazione interessi solo difendere a tutti i costi gli immigrati clandestini.
2019-01-25 09:56:43
E la Confindustria serve ancora a qualcosa? Eppure se la tengono ben stretta. Ed è un sindacato pure quello, della gente con le palanche, ma è un sindacato anche quello. Costa circa 100 euro a dipendente. E' l'associazione confindustriale più cara d'Europa, ma ci tengono a difendere le loro istanze. I dipendenti non abbastanza, lo danno per scontato, ma non lo è proprio per niente...
2019-01-23 13:45:58
Finalmente un uomo che sembra serio. La prima cosa che sicuramente farà è pulizia interna a partire dal togliere il segreto sulle migliaia di immobili pagati dagli operai ma di proprietà degli stessi sindacati...