Raoul Bova e Chiara Francini, durante lo spettacolo i cellulari non smettono di suonare: l'attore furioso non torna sul palco

PER APPROFONDIRE: catania, chiara francini, raoul bova
Raoul Bova e Chiara Francini, a Catania i cellulari non smettono di suonare: l'attore furioso non torna sul palco
«Chi non è capace di spegnere il cellulare resti a casa». Si può cominciare dalla fine, con le parole stizzite di un produttore, per raccontare un episodio decisamente poco edificante avvenuto a Catania due sere fa, al teatro Metropolitan, durante lo spettacolo Due, con Raoul Bova e Chiara Francini.



Alcuni spettatori, infatti, non solo non avevano spento il cellulare, continuando ad utilizzarlo anche durante lo spettacolo, ma avevano lasciato attive anche tutte le suonerie. Durante la performance i due attori sono stati disturbati continuamente dai vari suoni provenienti dagli smartphone e più volte il pubblico era stato richiamato a disattivare le suonerie. «Al prossimo disturbo, interrompiamo lo spettacolo», l'avvertimento di un membro della produzione durante una pausa. Al rientro degli attori, Raoul Bova, decisamente stizzito, dopo aver sentito l'ennesimo suono provenire dalla platea durante un monologo della collega, ha lasciato il palco.

Lo spettacolo si è concluso del tutto, nonostante ennesimi disturbi da parte del pubblico. Com'è possibile notare anche in questo spezzone girato da una spettatrice, dalle poltrone provengono diversi suoni di smartphone, tra cui quello inconfondibile di WhatsApp. Alla fine, al momento di prendere gli applausi, Raoul Bova, ancora decisamente infastidito, è tornato dietro le quinte prima di Chiara Francini.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 13 Marzo 2018, 13:32






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Raoul Bova e Chiara Francini, durante lo spettacolo i cellulari non smettono di suonare: l'attore furioso non torna sul palco
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-03-14 13:16:53
chiudo tutto e vado a casa. e che se la prendano tra di loro.
2018-03-13 18:45:58
Che buzzurri. Io ho il terrore di sbagliare la manovra di spegnimento e allora tolgo la batteria.
2018-03-13 18:42:08
Incivili, maleducati, e anche poveretti.
2018-03-13 18:35:34
Mi ricordo un concerto di Ravi Shankar alla Biennale in campiello Pisani negli anni 70. Iniziato il concerto, dopo un po' ci fu uno stop. Ravi Shankar chiese ai giornalisti lo stop degli scatti fotografici con il flash. Detto questo, detto tutto.
2018-03-13 18:32:31
che incivili...