Bimbo di un anno sfigurato a morsi
da una compagna all'asilo nido

PER APPROFONDIRE: bambino, maestre, morsi, padova
L'asilo nido di Polverara

di Luca Ingegneri

POLVERARA - È stato aggredito e preso a morsi da una bambina poco più grande di lui. È una tortura inaudita quella cui è stato sottoposto un piccolo di un anno, sorpreso nel sonno durante il riposino pomeridiano. L’incredibile vicenda è avvenuta in un asilo nido di Polverara, a due passi da Piove di Sacco, senza che il personale della scuola intervenisse in soccorso della vittima.



Sul corpicino del bimbo sono stati contati una quarantina di morsi, particolarmente evidenti sul volto e sulle braccia, ma anche lungo la schiena, sul torace, sulle gambe e persino sui piedi. La maestra in turno quel pomeriggio ha dichiarato di non aver percepito il pericolo. Ha dichiarato ai carabinieri di Casalserugo che il pianto sembrava quello tipico di un normale risveglio dopo il riposino pomeridiano. Il piccolo è stato portato dal padre al pronto soccorso pediatrico dell’Azienda ospedaliera.



«Abbiamo voluto denunciare il fatto - racconta S.A., padre del piccolo - non tanto per ottenere un risarcimento quanto per ribadire che cose del genere non devono succedere. Sono intollerabili. I bambini piccoli vanno tenuti sotto stretta sorveglianza».​



Venerdì 27 Febbraio 2015, 07:29






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Bimbo di un anno sfigurato a morsi
da una compagna all'asilo nido
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 25 commenti presenti
2015-02-28 08:38:47
perchè? egregio censore... ...egregio censore,scrivere,telecamere ovunque:asili,ospizi,ospedali,scuole\",si viola la netiquette?....bha! Passare i \"pacchetti\" ,fa bene al proseguo dei commenti,immagino.
2015-02-27 19:56:14
biancaneve2 Prima di tutto io non ho scritto malattici,ma ammalati con casi dove addirittura avevano trascorso la notte al pronto soccorso..quindi la cosa cambia!! Io non credo, comunque, che i morsi fossero 40,bisogna vedere dove si cela la verità:spesso i genitori ingigantiscono gli episodi per avere il risarcimento assicurativo(come è capitato a gente che conosco),ripeto, sicuramente l\'episodio non è da sottovalutare però attenzione a giudicare, anche perchè, non è specificato in questo articolo, il tutto è successo più di 2anni fa.Perché solo ora viene fuori??Solo per fare notizia e screditare, così,le figure delle educatrici che spesso si trovano a dover far fronte a episodi di aggressività infantile a volte difficile da gestire proprio a causa di genitori che faticano a credere che il proprio figlio possa avere una fase di \"violenza\".
2015-02-27 16:54:14
Dovunque... sia successo , a Napoli o Polverara , il fatto è grave perchè una quarantina di morsi ci vuole del tempo per darli , possibile che non sia venuto un dubbio a chi vigila sui bambini, guardare per capire il motivo del pianto ,appunto guardare è quello che non è stato fatto , con bambini cosi\' piccoli niente è scontato.
2015-02-27 15:30:43
Succede????? Ma scherziamo?? Certo che i bambini che frequentano il nido possono incorrere in litigi con i compagni, qualche spinta, qualche tirata di capelli, un morsetto....ma non 40 morsi e nessuno se ne accorge. Ha idea elix 75 di quanto male faccia un morso? Immagini quanto deve aver pianto quel bimbo che ne ha subiti 40, e poi un bimbo che piange al risveglio non è la norma, era evidente che qualcosa non andava. E non sta in piedi neanche il paragone con i genitori che lasciano al nido i figli malaticci, a volte sono costretti a farlo perché devono correre al lavoro e non hanno altre possibilità, l\' educatrice del nido aveva invece in dovere di vigilare i bambini, è quello il suo lavoro anche quando i bambini dormono visto che il loro sonnellino rientra nel suo orario di lavoro.
2015-02-27 14:17:27
e chi doveva sorvegliare? in g a l e r a!!!