Far West ai Castelli, spari tra la folla davanti al ristorante: caccia ai "cecchini" della Smart bianca Video

Mercoledì 8 Settembre 2021
Video

di Alessia Marani

 

La notte di Ferragosto fu il Far West: spari a Ostia sul lungomare e all'impazzata, ad altezza uomo, nel piazzale di un ristorante di Castel Gandolfo, ai Castelli. In quest'ultima occasione, poteva essere una strage, perché chi premette il grilletto puntò i tanti ragazzi che erano lì fuori e che, solo, per un miracolo, nel fuggi fuggi generale, scamparono all'agguato. Ora di quel blitz da parte di alcuni giovani a bordo di una Smart bianca, c'è anche un video: si vedono più giovani - anche ragazze - parlare e, probabilmente, discutere tra di loro, nell'ampio parcheggio. A un certo punto (sullo schermo in alto a sinistra) si vede la Smart indietreggiare e, poco dopo, aprire il fuoco. Quindi i presenti fuggire via. Quella Smart si è dileguata nel nulla, ma in mano ai carabinieri ci sono elementi che potrebbero portare presto all'identificazione degli autori. E' caccia aperta.

 

Roma, spari da un'auto a Ostia e a Castel Gandolfo: si indaga su possibile collegamento

 

Far West ai Castelli, spari tra la folla davanti al ristorante


Il blitz ai Castelli avvenne alle due e trenta nel parcheggio di un noto locale sul lungolago di Castel Gandolfo, in via Spiaggia del Lago. Almeno sei o sette i colpi sparati. Un’azione di fuoco spregiudicata e plateale, messa a segno da chi aveva tutta l’intenzione di mostrare la propria forza. Sul posto intervennero i Carabinieri della Compagnia di Castel Gandolfo che hanno rinvenuto tre bossoli di una semiautomatica calibro 45 nonché un’ogiva all’interno dello sportello lato guida di un’auto parcheggiata. Sono ora i militari a indagare sul caso.  L’ipotesi più accreditata è che vi sia stata una lite, un alterco tra due diversi gruppi, con il coinvolgimento anche di pregiudicati di calibro e pezzi di potenti forse legati a famiglie rom. A quell’ora il ristorante, tra i più gettonati da giovanissimi - c’erano anche diversi minorenni - e non solo, era ancora pieno. L’appello degli investigatori è, a chi era presente e si riconosce nelle immagini, di contattare la caserma dei carabinieri.

Ultimo aggiornamento: 22:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA