Riceve 15mila euro per la messa in mobilità: l'Inps li rivuole tutti

Per la "mobilità" riceve 15mila euro  ora l'Inps li rivuole: battaglia legale
ALTAVILLA VICENTINA - Un ricorso giudiziario contro l'Inps al Tribunale sarà presentato da una vicentina di Altavillaa cui viene chiesto di restituire oltre 15mila euro ottenuti come indennizzo per la messa in mobilità.

La legge prevede che se il contribuente che ha richiesto l'anticipo dell'indennizzo viene occupato in altra mansione entro 2 anni, deve restituire per intero la somma all'Inps. Peccato che la signora, assistita dal legale vicentino Agron Xhanaj, in realtà abbia percepito solo 52 euro per la messa in prova ad ore in un nuovo lavoro. «Dopo tre giorni e poche ore di attività - spiega il legale - il lavoro non si è perfezionato perché la donna non si è trovata bene. Per le ore di prova, il datore di lavoro ha versato i contributi e retribuito la lavoratrice con 52 euro».

Tanto è bastato, comunque, per l'Inps per far recapitare la richiesta di restituzione di tutti i 15mila euro. «La mia assistita si sente tradita dallo Stato - aggiunge il legale - che per un cavillo di 52 euro le chiede l'intera somma». Il caso è stato sottoposto all'Inps di Vicenza, sostenendo l'illegittimità del provvedimento in quanto l'occupazione non si è mai perfezionata e vi è una evidente sproporzione tra gli importi in questione. L'istituto berico ha accolto il ricorso, giudicando «non concretizzato il rapporto di lavoro» e ha trasmesso il caso al Comitato amministratore della gestione degli interventi assistenziali di Roma per un parere. Tre giorni fa è arrivata la risposta: la signora deve pagare comunque. «Naturalmente la mia assistita non ci sta e il caso finirà in tribunale - annuncia Xhanaj - perchè viene leso il principio di proporzionalità tra il bene giuridico tutelato e la sanzione».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 27 Ottobre 2017, 15:53






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Riceve 15mila euro per la messa in mobilità: l'Inps li rivuole tutti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2017-10-28 08:28:14
Sanguisughe legalizzate,inps è sempre brava solo a prelevare soldi dalle tasche dei contribuenti
2017-10-27 19:36:56
Non stò a discutere su chi abbia torto o ragione, lo farà chi da competente è preposto a farlo. Dico semplicemente che il dipendente che è pagato in mobilità, difficilmente è spinto a trovarsi un'altro lavoro.
2017-10-27 18:22:07
Non sono in grado come alcuni di voi di dare ragione all'inps o alla signora. Certo che c'è una legge che prevede il rientro anche a rate di ciò che l'istituto ha versato in mancanza di lavoro. Succede col nasi o con l'ex mini nasi, se non avvertì l'inps entro un tempo o se l'istituto non riesce a fare il conteggio sulla differenza sottrae l'importo sulla dichiarazione dei redditi o tramite lettera raccomandata con bollettino di versamento di quanto non dovuto. Però prima di rispondere per partito preso e naturalmente contro gli impiegati statali, l'istituto la politica, il parlamento, ecc,ecc. Manca solo il papa, fatevi questa domanda? Di chi sono i soldi che l'inps ha versato alla signora? La risposta dovrebbe essere facile ma la suggerisco nostri! Dei contribuenti, e allora perché questo caso senza sapere nulla si da ragione all'uno o all'altro? Perché se l'inps avesse ragione dovrebbe regalerà soldi che non spettano? Ma l'importante è comunque attaccare l'istituzione così hai tanti lire. La domanda di sussidio vienne fatta da persone competenti, caffè, patronato,ecc. Che spiegano tutte le clausole e cosa spetta o non spetta, non sono assicurazioni private con carattere curie 6
2017-10-27 17:32:07
Ladri legalizzati.
2017-10-27 16:57:14
Raggiro dalla parte dell' IMPS.