Verissimo, Fabrizio Moro: «Da giovane mi strapparono il contratto, oggi la mia rivincita»

Verissimo, Fabrizio Moro: «Da giovane mi strapparono il contratto, oggi la mia rivincita»
«Sono nato e morto tante volte». Si presenta così Fabrizio Moro a Verissimo, dove ripercorre le tappe più importanti della sua carriera con Silvia Toffanin. «Ho avuto una falsa partenza a 23 anni - spiega Fabrizio Moro -. Nel 2000 ho firmato il primo contratto e mi montai un po' la testa, ma andò male. Il Festival andò male, il disco andò male e mi strapparono il contratto. Adesso a 44 anni, con ottimi risultati raggiunti, ho ancora obiettivi davanti a me. Il 26 ottobre suonerò al Mediolanum Forum di Milano, era il mio sogno». 

LEGGI ANCHE Verissimo, il dramma di Paola Perego: «Ero in macchina e non entrava più l'aria...»



Fabrizio Moro ricorda il momento in cui è arrivata la svolta della sua carriera: «Nel 2007 è arrivata la rivincita, vinco Sanremo con Pensa. La canzone è finita nel libri di scuola, nonostante io avessi la terza media. La mia rivincita. Dal 2007 al 2019 ci sono state diverse intemperie. Sono nato e morto tante molte. Ho avuto bassi e alti. Il successo mi è arrivato in tarda età perché non ero pronto a metabolizzarlo da ragazzo». Il cantante romano conclude la sua intervista a Canale 5 parlando dei figli Libero e Anita: «Li amo. Per Anita ho scritto Portami via. Lei è la donna della mia vita». 
 


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 28 Settembre 2019, 18:45






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Verissimo, Fabrizio Moro: «Da giovane mi strapparono il contratto, oggi la mia rivincita»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti