GP Bahrain, 2° turno prove libere: sempre Hamilton, gran botto di Albon, Vettel davanti a Leclerc

Venerdì 27 Novembre 2020 di Massimo Costa
Nella foto, Albon subito dopo il crash all'ultima curva

Quali saranno le migliori mescole per il GP del Bahrain? Sembra essere questo il principale problema per tutti: soft o media? La Mercedes si è cimentata con le Pirelli più morbide e Lewis Hamilton si è confermato al comando arrivando a infrangere il muro dell'1'29" con 1'28"971. Nonostante la vittoria del settimo titolo mondiale di 15 giorni fa, l'inglese non si è minimamente rilassato come dimostra l'impegno profuso nella giornata odierna. Max Verstappen con la Red Bull-Honda si è piazzato secondo e il divario che si era creato tra le due Mercedes e gli avversari nel primo turno, si è ridotto sensibilmente. L'olandese è a 347 millesimi da Hamilton, ma con gomma media. Verstappen ha preceduto di 18 millesimi Valtteri Bottas, terzo con la W11 e pneumatici soft mentre quarto, vicinissimo è Sergio Perez con la Racing Point-Mercedes: 1'29"403 il suo tempo.

Da Verstappen a Pierre Gasly, sesto con l'Alpha Tauri-Honda e appena dietro alla Renault di Daniel Ricciardo, ci passano appena un paio di decimi. Poi, leggermente più staccata è la McLaren-Renault di Lando Norris inseguito da Lance Stroll e Daniil Kvyat mentre la top 10 è chiusa da un amareggiato Alexander Albon. L'anglo-thailandese dopo 17 giri ha esagerato alla curva finale, perdendo la linea e finendo ben oltre il cordolo. Nonostante ciò, non ha alzato il piede, la sua Red Bull non ha più trovato l'aderenza necessaria ed è rovinosamente finita contro le barriere. Vettura semi distrutta, sguardi impietriti nel box e nel muretto del team diretto da Christian Horner. Il futuro di Albon è sempre più incerto e questo errore non lo aiuterà.

La Ferrari ha evidenziato un problema di bilanciamento e difficoltà nel capire quali potevano essere le gomme migliori. Sebastian Vettel, particolarmente rilassato dopo la Turchia, è dodicesimo davanti a Charles Leclerc, che ha rimediato tre decimi dal tedesco.Con le Pirelli medie hanno realizzato il tempo, oltre a Verstappen, anche Kvyat, lo stesso Albon, Carlos Sainz, Kevin Magnussen, Romain Grosjean e Kimi Raikkonen. Il finlandese e George Russell, non avendo partecipato al primo turno libero per lasciare la loro vettura ai tester Robert Kubica e Roy Nissany, hanno incontrato qualche difficoltà. La sessione è stata interrotta, oltre che per l'incidente di Albon, anche per recuperare un cane che aveva trovato il modo di entrare in pista.

Venerdì 27 novembre 2020, libere 2

1 - Lewis Hamilton (Mercedes) - 1'28"971 - 28
2 - Max Verstappen (Red Bull-Honda) - 1'29"318 - 34
3 - Valtteri Bottas (Mercedes) - 1'29"336 - 30
4 - Sergio Perez (Racing Point-Mercedes) - 1'29"403 - 32
5 - Daniel Ricciardo (Renault) - 1'29"462 - 27
6 - Pierre Gasly (Alpha Tauri-Honda) - 1'29"551 - 36
7 - Lando Norris (McLaren-Renault) - 1'29"841 - 30
8 - Lance Stroll (Racing Point-Mercedes) - 1'29"871 - 32
9 - Daniil Kvyat (Alpha Tauri-Honda) - 1'29"900 - 34
10 - Alexander Albon (Red Bull-Honda) - 1'30"014 - 17
11 - Esteban Ocon (Renault) - 1'30"085 - 30
12 - Sebastian Vettel (Ferrari) - 1'30"110 - 35
13 - Carlos Sainz (McLaren-Renault) - 1'30"271 - 33
14 - Charles Leclerc (Ferrari) - 1'30"407 - 30
15 - Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo-Ferrari) - 1'30"627 - 33
16 - Kevin Magnussen (Haas-Ferrari) - 1'30"849 - 27
17 - Kimi Raikkonen (Alfa Romeo-Ferrari) - 1'30"928 - 34
18 - Nicholas Latifi (Williams-Mercedes) - 1'30"973 - 32
19 - Romain Grosjean (Haas-Ferrari) - 1'31"119 - 28
20 - George Russell (Williams-Mercedes) - 1'31"636 - 29

Ultimo aggiornamento: 29 Novembre, 09:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA