Doping nel calcio, Tardelli: «Ci fidavamo del medico, ma non vedo giocatori centenari»

Il campione del mondo dopo le parole di Dino Baggio a seguito della scomparsa di Mihajlovic e Vialli

Sabato 21 Gennaio 2023 di Luca Uccello
Doping nel calcio, Tardelli: «Ci fidavamo del medico, ma non vedo giocatori centenari»

La preoccupazione espressa da Dino Baggio dopo la scomparsa di Sinisa Mihajlovic e Luca Vialli hanno riacceso le luci sull'uso di farmaci nel calcio. C’è uno stretto collegamento con l'insorgere di malattie nei calciatori? Mai dimostrato. Ma chi ha giocato non è tranquillo. Non lo è nemmeno Marco Tardelli, 68 anni, che al Corriere della Sera racconta il suo stato d’animo.

 

Dino Baggio: «Dopo le morti di Vialli e Sinisa ho paura di stare male. Si indaghi sulle sostanze che prendevamo»

 

Tardelli e il doping

Anche lui, come tanti altri giocatori, per esempio ha fatto uso del famoso Micoren. «Quando giocavo io, anni 80-90, non c’era quella attenzione alla farmacologia di adesso». Adesso è diverso, prima anche: «C’era un medico di società, un po’ come quello di famiglia: se il giocatore aveva un problema, il dottore lo valutava e se proponeva un farmaco, permesso ribadisco, il giocatore lo assumeva e andava in campo…».

Marco Tardelli ha mai abusato di farmaci? «Se stavo bene tutto ok, ma io andavo in campo anche se non ero in perfette condizioni. I tempi di recupero erano stretti, si doveva giocare e quindi è possibile che abbia abusato di qualche farmaco». Ma perché? «La verità è che ci fidavamo del medico della società. Non avevamo la conoscenza e la consapevolezza attuale. Col passare del tempo alcuni farmaci sono stati vietati, non si possono più usare».

 

 

LE PAROLE DI DINO BAGGIO

Le parole di Dino Baggio hanno colpito anche il Campione del Mondo 1982. «Dino Baggio non ha fatto un j’accuse, ha chiesto di capire: datemi una mano a comprendere cosa ho assunto, quali conseguenze possono esserci. La verità è che ogni organismo reagisce in modo diverso».

Domanda del Corsera: Lei ha paura rispetto ai farmaci assunti in passato?

Risposta chiara: «Spero di essere fortunato, tutto qui. Non credo che ci sia un legame diretto tra le medicine prese e la morte prematura di certi sportivi. Nessuno ha mai spiegato questa relazione. Come si fa a sostenerlo? Certo che centenari nello sport non si vedono. La normalità è 80- 82-83 anni, forse perché il nostro corpo è maggiormente usurato».

Ultimo aggiornamento: 17:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci