Qatar 2022, le dichiarazioni shock dell'ambasciatore dell'evento: «L'Omosessualità è una malattia mentale»

La frase incriminata è stata pronunciata in un'intervista alla rete tv tedesca Zdf. «Dichiarazioni orribili», è stato il commento della ministra dell'Interno tedesca, Nancy Faeser

Martedì 8 Novembre 2022
Qatar 2022, le dichiarazioni shock dell'ambasciatore dell'evento: «L'Omosessualità è una malattia mentale»

Il Qatar si prepara ad accogliere il mondiale di calcio che inizierà ufficialmente il prossimo 20 novembre. Nell'ambito della presentazione della manifestazione sportiva, la rete tv tedesca Zdf ha realizzato il documentario "Geheimsache Qatar", intervistando l'ex calciatore professionista Khalid Salman - ambasciatore della manifestazione - le cui dichiarazioni hanno scatenato forti polemiche: "La cosa più importante è la seguente, accetteremo tutti coloro che verranno nel nostro Paese, ma loro dovranno accettare le nostre regole". Tra queste il riferimento del sessantenne, ex centrocampista, è all'omosessualità, vietata in Qatar e punibile con sette anni di reclusione: "È proibita perché è una malattia mentale". A seguito della frase, Salman è stato immediatamente interrotto dal portavoce del comitato organizzativo dei Mondiali. Poi la precisazione: "Si tratta di una mia idea". "Dichiarazioni orribili", è stato il commento della ministra dell'Interno tedesca, Nancy Faeser. 

Video

Ultimo aggiornamento: 14:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA