Calciomercato Roma, grande colpo in canna (Zaniolo permettendo): regista o attaccante, dipenderà da Nicolò

Pinto cerca il grande nome per Mou: attaccante o regista, dipenderà da Nicolò

Venerdì 10 Giugno 2022 di Gianluca Lengua
Roma, grande colpo in canna (Zaniolo permettendo): regista o attaccante, dipenderà da Nicolò

La Roma si muove. Mentre l'Inter tratta con Dybala e la Juventus flirta con Pogba, Friedkin si sta preparando a sfoderare un grande colpo, di quelli che potrebbero proiettare nuovamente il club tra le belle d'Europa. L'arrivo di Nemanja Matic (atteso nella capitale per le visite fra lunedì e martedì) è stato solo l'antipasto di ciò che può accadere nei prossimi mesi in cui il club ha intenzione di strutturare una squadra all'altezza delle pretese di Mourinho. Per adesso le uniche trattative confermate sono quelle che porteranno calciatori a basso costo (e ingaggio) per rimpiazzare le attuali seconde linee (Perez, El Shaarawy e Viña). Ai piani alti, invece, si lavora sotto traccia anche per definire quale sarà il futuro di Nicolò Zaniolo: sarà a lui a sbloccare il mercato giallorosso, in un senso o in un altro. Da una parte c'è la possibilità di rimanere nella Capitale, dall'altra quella di dire addio ma solo a patto che nelle casse del club entrino almeno 50 milioni. Uno dei problemi della scorsa stagione sono state le poche reti segnate in campionato (59) a pari della Fiorentina e sotto a Udinese (61), Sassuolo (64), Verona (65), Atalanta (65), Milan (69), Napoli (74), Lazio (77) e Inter (84). Un numero troppo basso per ambire ai primi quattro posti e, quindi, alla qualificazione in Champions. Come incrementarlo? O credendo in Zaniolo, o cedendolo e acquistando un attaccante da affiancare ad Abraham che dia più garanzie. La prima strada è la più semplice da percorre: rinnovargli il contratto (scadenza 2024), adeguargli lo stipendio (la richiesta è di almeno 4,5 milioni), metterlo al centro del progetto e magari assegnargli una posizione in campo che esalti le sue caratteristiche. A questo punto la società si potrà concentrare sul grande nome a centrocampo da affiancare a Matic.

Scenari

La seconda via è quella più tortuosa, perché implica la ricerca di un acquirente disposto a pagare una cifra stellare per un giocatore che ha realizzato solo due gol in campionato e che viene da due gravi infortuni. Una volta trovato l'acquirente, quei soldi dovranno essere reinvestiti in un sostituto. Tra i nomi che sono circolati c'è quello di Domenico Berardi (in pressing Juventus e Milan) autore di 15 gol e 17 assist in 34 partite giocate nella scorsa stagione e che la Roma potrebbe strappare al Sassuolo per 30 milioni rinunciando al 30 per cento del cartellino di Frattesi. Altra possibilità è Mertens (35 anni), svincolato di lusso del Napoli per aver chiesto 4 milioni di ingaggio. Capitolo Guedes, il nuovo tecnico del Valencia Gattuso ha sottolineato la sua importanza: «Spero rimarrà, ci parlerò. Oggi parliamo di una squadra che l'anno scorso ha segnato 48 gol e ne ha subiti 53. Quando il 50% dei gol li fanno Guedes e Soler capisci la loro importanza». Per adesso a Trigoria si stanno concentrando su Ola Solbakken attaccante esterno del Bodo/Glimt che dovrebbe arrivare per 5 milioni e su Zeki Celik terzino del Lille per il quale si sarebbe mosso personalmente Mourinho. Sullo sfondo le cessioni: Ibanez piace in Premier (Newcastle e Tottenham) offerti 30 milioni ma c'è una clausola di 80; il Lione si è aggiunto al Marsiglia alla corsa per Veretout; Florenzi sarà riscattato dal Milan per circa 3 milioni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA