Europei Budapest 2021, Detti e Paltrinieri in finale: alle 18 Quadarella per l'oro

Venerdì 21 Maggio 2021 di Piero Mei
Europei Budapest 2021, Detti e Paltrinieri in finale: alle 18 Quadarella per l'oro

Mattinata da grandi nomi azzurri agli Europei di nuoto a Budapest, qualificazioni. Mancavano la Quadarella e la Panziera, non mancava ovviamente la Pellegrini che “sono ancora viva”, tornavano Paltrinieri e Detti, e il “ranocchio” Martinenghi.

Europei Budapest 2021, Federica Pellegrini nel pomeriggio per la finale dei 200 stile libero

FEDE PENSACI TU

Le Pellegrini, come le sorprese, non finiscono mai: ecco Federica a un altro compito, tirare avanti la 4x200 stile libero femminile. È curioso che lei, che è senza tempo, proprio il tempo debba ricercare per trascinare le compagne a una qualificazione olimpica. Non oggi, che il gruppo è messo su sperando in Dio, visto che la Quadarella e la Panziera hanno altro da fare (finale 1500 per Simona, dorso per Margherita), e difatti il crono è lontano dal previsto, fermato a 7:39.24, la richiesta è 7:53. Ma, giacché le batterie sono solo un antipasto, la sequenza Pirozzi-Gailli-Angiolini-Pellegrini è sufficiente per strappare il miglior crono di tutte; il pomeriggio altre squadre e altre storie, eppure chissà… Mai dire mai quando c’è Fede, che non ha riflettuto, dice, sull’argento di ieri, perché “c’era poco da riflettere” e “niente, vediamo, l’importante era andare in finale, per tutto il resto vediamo”. Quando c’è lei, di solito, ne vediamo delle belle. 1:47.74 la frazione di Fede, le altre tre della mattina sopra i 2 minuti.

VICINI VICINI

Greg alla corisa 4, Gabri alla 3, vicini vicini come quando si allenavano insieme, “gemelli diversi” li chiamavano, agli ordini del Moro in quel di Ostia; lo erano di nuovo stamani, dopo che Greg ha preso il largo in acque libere (e dorate), nella batteria degli 800, che vedeva anche un terzo italiano, Marco De Tullio, che a Ostia ha preso il posto di Paltrinieri ed ora è il compagno d’acqua di Detti.

CIAMPI MEDAGLIA DI BRONZO

QUEI DUE

Gli italiani da finale, domani, sono Gabriele Detti e Gregorio Paltrinieri: Gabri fa gara in avanti, subito primo e tale è anche alla fine degli 800 metri: 7:50.61 il crono del livornesem 7:51.33 quello di Paltrinieri. I due “grandi” escludono dunque l’8:01.33 con cui finisce De Tullio. L’ucraino Romanchuk, che fu compagno di Greg e Gabri anni fa a Ostia e ne “carpì i segreti”, ha il miglior tempo, 7:48.31. Sarà una finale da scintille, nonostante si tratti d’acqua…

NON MI SBILANCIO

Ma…"Lo dice Nicolò Martinenghi che, 26.54, trova il secondo tempo nei 50 rana. Il primo, ovvio, è di Adam Peaty, 26.34. “Sono scaramantico e non mi sbilancio ma sono tranquillo, ho nuotato tranquillo, ho pure sbagliato qualche bracciata. Superstizioso deve essere anche Peaty: cos’è altrimenti quel suo frenetico grattarsi il piede sui blocchi se non un gesto alla Nadal? Oppure sente il formicolio del record? Con Martinenghi va avanti anche Pinzuti, mentre il terzo incomodo, e dunque scartato, è Federico Poggio. Fa il suo personale ma è fuori per la legge del due soli. “Peccato questa lotta interna, poi il pomeriggio si va pure più veloci…".

Europei Budapest 2021, Federica Pellegrini vola in semifinale nei 200 stile. Avanti anche la 4x200 sl uomini

TUTTI STILI

Quattro stili e promozione nei 200 sia per Sara Franceschi, terzo tempo, che per Ilaria Cusinato, decimo, non c’era terza da far fuori; erano tre nei 100 stile (non si poteva chiedere a Capitan Federica anche questa…) ed era promossa, ripescata, la sola Silvia Di Pietro che sta riprendendosi dopo un avvio da campionato da lei definito “infernale”;la più veloce Femkske Hermesk, la “vittima preferita” della Pellegrini in questi tantissimi anni d’oro: s’incontrano e si dicono “siamo ancora qui, una volta eravamo noi le giovani”; avanti anche Lorenzo Mora nei 200 dorso, che ha allungato vasca (ora da 50, era da 25) e distanza e sta comportandosi bene.

LEDECKY DE NOANTRI

La prima delle sei finali di oggi, inizio ore 18, sarà quella della Quadarella (e della Caramignoli) sui 1500. Simona vuole prendere e riprendere il suo secondo oro. Ha preso il primo, e fin qui unico, azzurro negli 800, tenendosi quello che già aveva a Glasgow 2018; vuole raddoppiare al quadrato, giacché a Glasgow vinse anche quello dei 1500 (e dei 400!). E vuole mandare un messaggio anche alla Ledecky, la SuperWoman dello stile libero che intanto l’altro ieri a Mission Viejo si è regalata anche lo sfizio di battere la campionessa olimpica Simon Manuel sui 100 (53-82 a 52.83, si può arrivare secondi anche di un centesimo soltanto).

Europei Budapest 2021, Alessandro Miressi vola in finale dei 100 stile libero

 

Ultimo aggiornamento: 13:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA