Vita da supereroi: Iron Man a 80 anni lucido e curato, Hulk cardiopatico e Spiderman insonne cronico

Giovedì 13 Gennaio 2022 di Carla Massi
Robert Downey Jr in una scena del film "Iron Man 3" con la regia di Shane Black

Anche i ricercatori si divertono.

La prestigiosa rivista scientifica, British Medical Journal, per la fine dell’anno, ha deciso di pubblicare uno studio dell’Università del Queensland, in Australia, che, nella sua “stranezza” manda un messaggio importante sulla longevità. Protagonisti sono Hulk, Black Panther, Iron Man, Black Widow e Spiderman. I supereroi immaginati dai geriatri in versione anziani. Il gruppo di studio del Dipartimento di Medicina geriatrica dell’ateneo australiano si è, infatti, domandato: come saranno i personaggi della Marvel intorno ai 70-80 anni tenendo conto del loro stato di salute e delle loro abitudini da giovani? Un esercizio solo apparentemente inutile dal momento che il fine è stato quello di dimostrare che se si vuol stare bene in là con gli anni ci si deve pensare fin da ragazzi. Sono stati analizzati 24 film, poi le ipotesi diagnostiche. Iron Man ottantenne potrà avere vantaggi veri dalla vita agiata che ha condotto (anche per l’assistenza medica) e dalla sua intelligenza che lo preserva dalla demenza. Ma dovrà stare attento all’esposizione continua alle radiazioni durante le imprese. Black Panter, come vegetariano, potrebbe riuscire a non avere problemi di peso. Hulk è visto come un potenziale paziente cardiopatico sovrappeso prossimo venturo vista la sua potente irascibilità. Black Widow ha avuto un’infanzia traumatica e potrebbe essere colpita da patologie sia fisiche che mentali. Mentre Spiderman, avvantaggiato dall’avere avuto una vita fisicamente molto attiva, avrà una forte muscolatura. Dovrà, però, combattere con un’insonnia cronica. Visto che le sue avventure avvengono sempre di notte. L’insonnia porta con sé, oltre all’obesità, anche la confusione mentale. E noi che non siamo supereroi? «Ogni persona, indipendentemente da incidenti o danni genetici, ha la possibilità di decidere e influenzare la vita che sarà» commenta Francesco Landi, presidente della Società italiana di geriatria e gerontologia e direttore dell’Unità di Medicina interna geriatrica Fondazione Gemelli a Roma. «I geni impattano sulla longevità in una percentuale non superiore al 20-25%. Quello che più decide sull’invecchiamento è lo stile di vita. La longevità non è un dono di natura, ma si conquista passo dopo passo».

UN UNICO PERCORSO

Chi oggi viene visitato da un geriatra rivela, con il fisico e con la mente, quello che ha fatto per il suo organismo nei decenni passati. «L’idea che il nostro vivere sia diviso in tre fasi, infanzia, età adulto e terza età – aggiunge Landi – è assolutamente superata. Dal momento che si tratta di un unico progetto. Da quando ci sentiamo forti e pronti a sfidare tutto a quando le forze sembrano venire meno. Facciamoci una domanda: perché stiamo sempre così attenti a fare il tagliando della macchina, soprattutto quando è abbastanza nuova, e invece per noi il “tagliando” non esiste?». Così, mentre nei laboratori si lavora sulle proprietà dei farmaci anti-età (la rapamicina, dai trapianti all’effetto protettivo contro l’Alzheimer, la metformina, dal diabete di tipo 2 all’effetto antinfiammatorio delle cellule, i senolitici, molecole che uccidono le cellule senescenti che si accumulano con l’andare degli anni, rendendo meno frequente una serie di malattie, anche il tumore) dall’altra si spinge a non vedere più l’età avanzata come l’epoca del disarmo. «Innanzitutto astenersi dal fumo ed evitare l’abuso di alcol – ricorda il geriatra – Essenziale è mantenere nella norma il girovita e l’indice di massa corporea: abbiamo la dimostrazione sperimentale che un peso corporeo corretto è un elemento strettamente correlato alla lunghezza della vita».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 17 Gennaio, 14:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA