Sindrome dell'Avana, casi sospetti tra diplomatici statunitensi: torna la misteriosa "malattia delle spie"

Giovedì 13 Gennaio 2022
Sindrome dell'Avana, casi sospetti tra diplomatici statunitensi: torna la misteriosa "malattia delle spie"

Torna la misteriosa sindrome dell'Avana tra i diplomatici americani, questa volta a Ginevra e a Parigi. Lo scrive il Wall Street Journal, citando fonti a conoscenza del dossier. I presunti casi sono stati segnalati internamente la scorsa estate ai dirigenti locali e al dipartimento di Stato, aggiungendosi ai circa 200 che hanno coinvolto personale diplomatico americano a Cuba, in Cina, in Sud America e in altre città europee. Tre i casi sospetti a Ginevra, città che ospita una decina di organizzazioni multilaterali. Almeno uno degli interessati è stato evacuato dalla Svizzera in Usa per trattamenti medici. Un caso invece è stato riportato a Parigi.

Soberana come Novavax, contagi abbattuti a Cuba. Come funziona il vaccino proteico (e c'è il booster plus)

Luca Ward, il dramma della malattia della figlia: «Luna ha la sindrome di Marfan»

Cos'è la "malattia delle spie"

La sindrome dell'Avana comporta una serie di malesseri riscontrati nel 2016 in alucuni membri del personale dell'ambasciata statunitense presso L'Avana a Cuba. Successivamente gli stessi sintomi sono stati riscontrati dal personale dell'ambasciata canadese e da quello di diverse sedi diplomatiche statunitensi in giro per il mondo. Ma quali sono questi sintomi? Vertigini, mal di testa, stanchezza, nausea, ansietà, alterazioni sensoriali (tra cui deficit all'udito) e perdite di memoria. Tali sintomi deriverebbero dall'esposizione ad armi a microonde o comunque a campi elettromagnetici. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA