Discoteche, Bassetti: «Errore non riaprire, così i ragazzi vanno in Spagna, Grecia e Francia»

Giovedì 1 Luglio 2021
Discoteche, Bassetti: «Errore non riaprire. I ragazzi così vanno a ballare in Spagna, Grecia e Francia»

Slitta ancora l'apertura delle discoteche. Se ne è parlato a margine dell'ultimo Consiglio dei ministri, ma non si è arrivati ancora a una decisione definitiva. Sul tavolo, però, sarebbe stata messa la possibilità di riconoscere delle risorse per le mancate entrate subite finora.«Il fatto che si ritardi l'apertuta – sottolinea all'Adnkronos Salute Matteo Bassetti, primario di Malattie infettive all'ospedale San Martino di Genova – è un errore, saremo l'unico Paese in cui rimangono chiuse». E così per Bassetti «è inevitabile che poi i ragazzi vadano a divertirsi nei locali in Spagna, Grecia e Francia. È una penalizzazione. Poi, non è che i ragazzi non si divertono se le discoteche sono chiuse ma lo fanno in altri luoghi come bar, spiagge e case private. Dove non ci sono controlli. È il solito problema italiano dove preferiamo, come dire, vietare una cosa sapendo bene che avviene e poi non andiamo a controllare. Così non abbiamo risolto il problema».

 

Lazio, D'Amato: «A luglio problemi con Pfizer. Variante Delta? Sono il 10% dei casi, ma continueranno a crescere»

 

Bassetti poi trova «assurdo che chi è vaccinato debba fare un tampone per partecipare ad un concorso pubblico. Siamo al green pass e ancora chiedono di fare il tampone a chi è vaccinato. Non è cosa da Paese civile. Spero che il ministro Brunetta intervenga e risolva questa demenzialità». Lo afferma all'Adnkronos Salute Matteo Bassetti, primario di Malattie infettive all'ospedale San Martino di Genova. «Questa mattina sto partecipando ad un concorso pubblico qui in ospedale - racconta Bassetti - e ho dovuto dimostrare di aver fatto il tampone nei giorni precedenti, è contro ogni logica. Siamo tutti medici che lavorano in reparto e siamo tutti vaccinati».

 

Discoteche, slitta la riapertura. Sileri: «Accesso con Green pass con una dose, credo sia sufficiente»

 

Discoteche, Fedriga: «Green pass dovrebbe essere necessario»

 

«Dobbiamo metterci d'accordo: se diciamo che il vaccino funziona e il green pass serve, allora dobbiamo usarli per far funzionare delle attività che oggettivamente sono più a rischio, ma dall'altro lato non è che oggi non ci siano incontri e chi balla. Semplicemente non lo fanno nei luoghi regolari per farlo». Così il presidente della Conferenza delle Regioni e del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, ha commentato lo slittamento della riapertura delle discoteche, intervenendo su SkyTg24. «Spero che ci possa essere una responsabilità da parte di tutti per tornare ad avere una linea di coerenza - ha sottolineato Fedriga -, perché la poca coerenza l'abbiamo vista sulla comunicazione sui vaccini, che ha messo in difficoltà le regioni» come nel caso di AstraZeneca.

 

AstraZeneca raccomandato agli over 60 e le Regioni si spaccano: «La seconda dose? Sicura»

 

 

Salvini: «Negli altri Paesi europei le discoteche hanno già riaperto»

 

«Perché punire ancora i giovani?? Locali per ragazzi e discoteche sono già aperti da tempo in Spagna, Germania, Svizzera, Austria e Grecia, dal 9 luglio anche in Francia – ha detto il leader della Lega Matteo Salvini –. In Italia ancora nulla, neanche una data, nonostante le richieste della Lega, di 3.000 imprenditori e 100.000 lavoratori. Meglio un divertimento sicuro e controllato, con protocolli di sicurezza seri, oppure i rave party e le feste abusive e illegali, denunciate ormai in tutte le città italiane? Torniamo alla vita ed al lavoro, tutti, il prima possibile».

 

Meloni e Salvini, vicini nei sondaggi, lontani sulla strategia: la competizione mette sale sulle difficoltà del centrodestra

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 12:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA