Thailandia, "involtini primavera", "riso con pollo" e parolacce: così il tatuatore ingannava i turisti

PER APPROFONDIRE: tatuaggi, thailandia
Thailandia,
La Thailandia ha conservato la millenaria arte dei tatuaggi sacri. Tradizione che per molti stranieri, tra cui vip del calibro di Angelina Jolie, è diventata una moda. Un rituale che comincia con tanto di preghiera e meditazione prima della tanto attesa seduta per avere il tatuaggio sacro che, secondo la leggenda dona forza, salute e ricchezza.

GUARDA I TATUAGGI

E così, spinti dalla voglia di tornare a casa dalla vacanza con un ricordo indelebile, in molti si sono affidati al pennino di un artista del posto. Peccato che il tatuatore, invece di scrivere nella sua lingua le frasi sacre richieste dal cliente, componesse frasi offensive e ridicole sulla pelle degli ignari vacanzieri. 

E così su spalle, bicipiti, fondoschiena e polpacci di decine di persone sono comparse frasi del tipo: "involtini primavera freschi", "riso al pollo", "polpette di pesce", fino a parllacce vere e proprie. Ad accorgersi sono stati gli utenti thailandesi di uno dei profili facebook su cui venivano postati i lavori.

E le foto di alcuni dei vacanzieri che sono caduti vittima del crudele scherzo del tatuatore sono diventate virali sui social media del paese. Una bionda ha avuto sulla scapola "po pia sot", ovvero, "involtini primavera freschi". Un uomo con "khao man gai" sul bicipite, ossia "riso al pollo".

Altri sono stati più sfortunati. Il messaggio sull'avambraccio di un uomo dice "chan chorp hee le hee chorp chan" che si traduce approssimativamente in "io amo il c *** e il c *** ama me". Un messaggio che il povero turista dovrà portarsi addosso per tutta la vita.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 17 Settembre 2018, 13:11






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Thailandia, "involtini primavera", "riso con pollo" e parolacce: così il tatuatore ingannava i turisti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti