CHAMPIONS LEAGUE
MILANO «È tutto nelle nostre mani». L'Inter ha

Mercoledì 24 Novembre 2021
CHAMPIONS LEAGUE MILANO «È tutto nelle nostre mani». L'Inter ha

CHAMPIONS LEAGUE
MILANO «È tutto nelle nostre mani». L'Inter ha un primo match point per sfatare il tabù europeo e centrare gli ottavi di finale di Champions League per la prima volta dal 2011/12. Padroni del proprio destino, agli uomini di Simone Inzaghi possono bastare anche tre punti nella sfida di stasera contro lo Shakhtar Donetsk, a patto che il Real Madrid non perda contro lo Sheriff: bisognerà aspettare, quindi, comunque la tarda serata (visto che i nerazzurri scenderanno in campo alle 18.45, mentre i blancos giocheranno in Transnistria alle 21), ma tutto passa dal fatto che Lautaro e compagni dovranno fare il loro dovere contro gli ucraini di De Zerbi. «È una partita importantissima. Il nostro obiettivo è riportare l'Inter agli ottavi. Siamo a buon punto», le parole di Inzaghi alla vigilia. «Col Napoli abbiamo fatto una grande gara, ora tutto è nelle nostre mani. Lo Shakhtar gioca bene, dovremo essere molto bravi».
A tenere in allarme il tecnico nerazzurro, oltre alle caratteristiche degli ucraini, anche la situazione infortunati. «Col Napoli abbiamo speso tanto. Ho avuto problemi in corsa, Barella e Correa mi hanno chiesto il cambio, Bastoni ha preso una botta alla spalla. Dovrò valutare», ha aggiunto Inzaghi, confermando le assenze di De Vrij e Sanchez.
Saranno invece novanta minuti decisivi per il Milan, «l'ultima possibilità» come l'ha definita Stefano Pioli: nella bolgia dell'Estadio Metropolitano, contro l'Atletico di Simeone, dovrà sfidare pronostici e probabilità per vincere e sperare ancora nella Champions. Ultimi nel gruppo B, con un solo punto guadagnato contro il Porto ora il Milan ha un solo risultato a disposizione per non dire addio al calcio internazionale e la presenza a Milanello dell'a.d. Ivan Gazidis è la prova dell'importanza del match di Madrid. Il Liverpool - a punteggio pieno - è di un'altra categoria, il Porto a 5 punti e l'Atletico a 4 sono le avversarie con cui sperare nell'impresa.
INFORTUNATI
Intanto però c'è da ottenere una vittoria, risultato che ancora non è stato raggiunto dai rossoneri in questo girone di ferro. «La squadra è costruita per cercare di essere competitiva in entrambe le competizioni. Per molti giocatori - ricorda Pioli - è la prima esperienza quest'anno in Champions. Dobbiamo stare attenti ai particolari, fare una prestazione al 100%».
In difesa recuperato Romagnoli «sta meglio ed è sicuramente a disposizione», rassicura Pioli. Ma non ci saranno Calabria, Maignan, Tomori e Rebic. E Leao non sarebbe al meglio della condizione, tanto che avrebbe concordato con Pioli di decidere all'ultimo se partire dal 1'.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA