Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pfas, via al maxi processo: 15 imputati, 318 parti civili con Regione e tre Ulss. Il "gruppo mamme" manifesta davanti al tribunale

Giovedì 1 Luglio 2021
Alcune delle "mamme no pfas" che hanno manifestato davanti al tribunale di Vicenza

 VICENZA - Si è aperto questa mattina alla Corte d'Assise del Tribunale di Vicenza il maxi processo sull'inquinamento Pfas che interessa tre province venete: Vicenza, Verona e Padova. Quindici gli imputati che devono rispondere a vario titolo di avvelenamento delle acque, disastro doloso oltre che di inquinamento ambientale e per fallimento e bancarotta di Miteni spa di Trissino (Vicenza), accuse mosse dai pubblici ministeri Hans Roderich Blattner e Barbara De Munari.

Le parti civili costituite durante l'udienza preliminare erano 229, oggi se ne sono aggiunte diverse, 89 in tutto, che fanno salire il numero complessivo a 318. Costituite nel corso della prima udienza di oggi anche tre Ulss: la 8 Berica, la 9 Scaligera e la 6 Euganea con l'avvocato Fabio Pinelli che difende anche Regione e Comune di Trissino. Il processo si è tenuto in due aule video collegate per far rispettare le distanze tra avvocati e pubblico per esigenze legate all'emergenza sanitaria. Fuori dal palazzo di giustizia si sono riunite con striscioni e volantini alcune associazioni come le «Mamme No Pfas - genitori attivi zone contaminate», gruppo interterritoriale ma radicato soprattutto nella Bassa Padovana tra Montagnana ed Este, che sono tornate a chiedere giustizia.

Ultimo aggiornamento: 2 Luglio, 07:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci