Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Corsa al mattino in riva al mare: Alberto muore sotto gli occhi della moglie

Mercoledì 6 Luglio 2022 di Lorenzo Mayer
Alberto Bressan
1

PELLESTRINA - Muore davanti agli occhi della moglie e di un amico. Una corsetta leggera, di buon mattino, è stata fatale. Colpito da un improvviso malore si è accasciato al suolo ed è morto mentre stava facendo jogging in località Santa Maria del Mare a Pellestrina. Se ne è andato così Alberto Bressan, 53 anni vicentino, grande sportivo e praticante di triathlon.

SANTA MARIA DEL MARE
Il dramma si è consumato ieri mattina, 5 luglio, poco dopo le 9, a Santa Maria del Mare, a circa un paio di metri dall'inizio della diga e a circa trenta metri dall'imbarco del ferry-boat della linea 11. Bressan si trovava in vacanza nell'isola di Pellestrina insieme alla moglie e a un'altra coppia di amici. I soccorsi sono stati tempestivi, ma purtroppo non è stato possibile far altro che constatare il decesso dell'uomo. La corsa per lui era una grande passione: assicuratore di professione, abitava a Debba ed era dirigente delle Assicurazioni Generali, nella sede di Arzignano. Sposato padre di due figli: un primogenito di 23 anni e la figlia di 17.

Alberto Bressan è figlio di Sante, politico di primo piano nella città Berica, vicesindaco di Vicenza dal 1981 al 1985, nonchè assessore al Lavoro tra il 1975 e 80, assessore alle Municipalizzate e agli Interventi sociali. Un impegno, nel campo del mondo delle associazioni no profit che prosegue anche oggi, come presidente dell'associazione Sarajevo Onlus.
La tragica notizia si è diffusa subito rapidamente dalla laguna fino al Vicentino, lasciando tutti attoniti e sgomenti. Alberto, infatti, era un atleta dotato di un gran fisico, molto allenato anche a sforzi e prestazioni molto impegnative. Partecipava a gare, allenamenti, molto più impegnativi a quello affrontato ieri. Improvvisamente Bressan si è accasciato al suolo. L'amico che era con lui ha chiesto aiuto. Alcuni passanti nella zona hanno notato la scena, e resisi immediatamente conto della situazione hanno cercato di prestare i primi soccorsi, allertato il 118 . L'ambulanza è arrivata sul posto in pochi minuti con il medico e il personale sanitario. Sono stati fatti vari tentativi, ma tutto è stato, purtroppo inutile.

MALORE IMPROVVISO
I primi accertamenti medici hanno rilevato che la morte è sopraggiunta a causa dell'improvviso malore, probabilmente un infarto cardiaco fulminante, e non in conseguenza della caduta, in una zona impervia e incolta a ridosso dei massi della diga. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Pellestrina diretti dalla Compagnia di Chioggia che si sono occupati dei rilievi di legge. L'Autorità giudiziaria, interpellata dagli uomini dell'Arma, preso atto del referto medico del Suem ha deciso che non sarà necessario eseguire l'autopsia, dando il nulla osta ai familiari per la celebrazione delle esequie. Una morte improvvisa.
La moglie e gli amici sono ovviamente in uno stato di choc, nessuno riesce a parlare e a capacitarsi di quanto accaduto. Resta il ricordo di Alberto Bressan, un grande sportivo amante del triathlon e della corsa. E di una tranquilla vacanza che in un attimo si è trasformata in tragedia. Non è ancora stata fissata la data dei funerali.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci