Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Femminicidio a Spinea: «Ha ucciso la compagna a coltellate per gelosia». In casa anche il figlio di 4 anni

Venerdì 23 Settembre 2022 di Emiliana Costa e Davide Tamiello
Omicidio a Spinea
5

SPINEA (VENEZIA) - Omicidio questa mattina, venerdì 23 settembre 2022, a Spinea. Un uomo ha ucciso la compagna a coltellate. Lui romeno, lei moldava, la coppia ha un bimbo di quattro anni.

L'uomo è Alexanandru Ianosi Andreeva Dimitrova, 35 anni. La compagna Lilia Patranel, 41 anni. Dalle prime informazioni trapelate, la lite sarebbe esplosa per motivi di gelosia, la coppia avrebbe vissuto una relazione burrascosa.

 

Il femminicidio sarebbe avvenuto intorno a mezzanotte, la vittima sarebbe stata colpita con diverse coltellate. Poi l'uomo avrebbe dato l'allarme intorno alle 5 del mattino.

La tragedia, ennesimo femminicidio, si è consumata in zona Mantegna. Nel corso dell'interrogatorio nella caserma dei carabinieri, l'uomo si sarebbe avvalso della facoltà di non rispondere. Poi sarebbe stato trasportato in carcere. Lilia avrebbe già denunciato il compagno in passato, ma poi avrebbe rimesso la querela.

La ricostruzione

Una lite violentissima, l'ennesima, ha impugnato il coltello e nonostante ci fosse in casa il loro figlio di soli 4 anni, ha colpito più volte la compagna uccidendola. A finire sotto i fendenti è stata Lilia Patranel di 41 anni, collaboratrice domestica, con doppio passaporto moldavo e romeno, uccisa dal marito Alexandru Ianosi Andreeva Dimitrova, 35enne romeno, in Veneto e in casa della donna dal 2017. Il delitto è accaduto nella notte a Spinea, in un condominio di otto appartamenti abitato da stranieri, per lo più romeni e moldavi, come i protagonisti della vicenda. Una relazione fatta di continue frizioni e pochi momenti di riappacificazione, con liti sempre più violente sfociate spesso in vere e proprie aggressioni fisiche.

Le violenze

Lilia aveva tentato, in passato, di difendersi. Infatti avrebbe anche denunciato le botte subite alle forze dell'ordine, per poi ritirare la querela. La lite e l'omicidio, senza che i vicini si rendessero conto della gravità di quanto stava accadendo, sono scoppiati poco dopo la mezzanotte, mentre il bambino probabilmente dormiva. Uccisa la compagna, l'uomo si sarebbe seduto accanto al figlio, aspettando le 5 del mattino per chiamare il 112 e far intervenire i Carabinieri, confessando l'accaduto. Dopo il primo esame della salma da parte del medico legale, i rilievi dei Carabinieri del Ris e quindi il 'viaggio' dell'omicida in camionetta nella caserma dell'Arma. Qui Alexandru si è chiuso nel silenzio più assoluto, avvalendosi della facoltà di non rispondere. Successivamente è stato trasferito nel carcere di Santa Maria Maggiore a Venezia, in attesa di essere sentito da Pm e Gip. Divergente il racconto dei vicini.

I vicini di casa

C'è chi ricorda il piccolo, che frequenta la scuola materna di Spinea, giocare davanti a casa con il padre e una sostanziale tranquillità familiare e nei rapporti di vicinato. Altri, invece, si sbilanciano su quelle liti sentite tante, troppe volte. «E' successo un omicidio ma non ci spieghiamo il perché - dice un residente dello stesso condominio -. Non abbiamo sentito nulla, non si sono udite grida». Qualcuno punta il dito contro l'uomo. «Lei faceva le pulizie nelle abitazioni per raggranellare qualche soldo perché hanno un bambino piccolo. Diceva sempre che il marito la picchiava e la insultava». Ed ancora: «Erano una coppia come le altre, una famiglia che vedevamo spesso sotto casa». Ma c'è anche chi ha raccolto le confidenze di Lilia: «mi picchia» raccontava, «alza le mani su di me, non so più cosa fare» aggiungeva piangendo.

Video

Ultimo aggiornamento: 24 Settembre, 10:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci