Omicidio Mennella. La Corte conferma 20 anni di carcere per Ascione e triplica i risarcimenti

Giovedì 12 Dicembre 2019
Omicidio Maria Archetta Mennella. La Corte conferma 20 anni di carcere per Ascione e triplica i risarcimenti
4

Omicidio Mennella. Venti anni di carcere confermati dalla Corte d'Appello di Venezia per Antonio Ascione, che uccise l'ex moglie Maria Archetta Mennella. La Corte ha deciso di triplicare i risarcimenti per i familiari della vittima, tra cui i due figli minori. 

L'OMICIDIO «Ho ucciso mia moglie, venite? Respira ancora, ma poco...»
I SEGNALI PREMONITORI DI UN DELITTO L'esperto: «Prima dell'omicidio ci sono sempre segni di violenza»

LA SENTENZA
Oggi, 12 dicembre 2019, dopo più di tre ore di camera di consiglio, la prima corte penale della Corte d’Assise d’Appello di Venezia, presieduta dal giudice Antonio Liguori, ha pronunciato la sentenza d’appello nei confronti di Antonio Ascione, il pizzaiolo di Torre del Greco che il 23 luglio 2017 ha ammazzato l’ex moglie Maria Archetta Mennella, pure lei torrese e che aveva solo 38 anni, nella casa di Musile di Piave, nel Veneziano, dove la donna si era trasferita e si stava ricostruendo una vita con i due figli dopo la separazione da quel marito possessivo e violento: l’imputato, che sta scontando la pena presso la casa circondariale di Venezia, ha ascoltato impassibile la “lettura” senza profferire parola. In aula non c’erano, invece, i congiunti di Mariarca.

«Mariarca uccisa perché amava un altro»

Non accolta la richiesta di aggravante per futili motivi
I giudici hanno mantenuto nella sua interezza l’impianto della sentenza di primo grado con cui, il 4 ottobre 2018, il giudice del Tribunale lagunare, dott. Massimo Vicinanza, aveva condannato l’omicida a vent’anni di reclusione. Non è stato accolto il ricorso presentato dal Pubblico Ministero della Procura veneziana titolare del procedimento penale, il dott. Raffaele Incardona, contro l’esclusione dell’aggravante dei futili motivi, che quindi non è stata riconosciuta, ma sono stati respinti anche i motivi dell’appello proposto dal difensore di Ascione, l’avv. Giorgio Pietramala: sono stati confermati sia gli episodi delle minacce aggravate con il coltello nei confronti di Maria Archetta verificatisi pochi giorni prima del crimine, sia, soprattutto, l’aggravante della minorata difesa della vittima che Pietramala puntava a escludere (Mariarca è stata accoltellata a morte all’alba mentre si trovava ancora a letto). La vicenda processuale, peraltro, finirà qui: la difesa, a meno di ripensamenti, non farà ricorso in Cassazione.
 

 

RISARCIMENTI TRIPLICATI
La sentenza di primo grado è stata invece completamente riformata agli effetti della responsabilità civile essendo stato accolto in toto l’appello proposto dalle parti civili rappresentate dall’Avv. del Foro di Padova prof. Alberto Berardi, con la collaborazione di Studio3A-Valore S.p.A., società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini. La Corte d’Appello ha infatti triplicato le provvisionali immediatamente esecutive stabilite in origine, stabilendo un risarcimento di 150mila euro (contro 50mila) per i due figli della coppia, di centomila euro (contro 30mila) per la mamma di Maria Archetta Mennella e di 60mila euro (contro 20mila) per le sorelle e il fratello.
 

Ultimo aggiornamento: 21:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA