Multato sul vaporetto: si era seduto per sbaglio al posto delle valigie

PER APPROFONDIRE: multa, vaporetto, venezia
Multato sul vaporetto: si era seduto per sbaglio al posto delle valigie

di Lorenzo Mayer

VENEZIA - Gli utenti sono avvisati: non sedetevi nel posto riservato alle valigie. Un commerciante del Lido, nei giorni scorsi è stato multato da Actv perché si è messo a sedere in motoscafo nel posto che solitamente dovrebbe essere dedicato alle valigie. È accaduto sabato scorso a bordo della linea 6 partita dal Lido alle 16.42 e diretto a piazzale Roma. Luigi Papa, da tutti conosciuto al Lido come Figaro il barbiere di Ca' Bianca si era seduto nel vano che precede la cabina coperta del battello. 

LA TESTIMONIANZA
«Valigie non ce ne erano racconta il passeggero multato altrimenti mi sarei alzato sicuramente per fare posto ai bagagli, e io non ho visto nessuna indicazione di divieto a sedersi in quell'area». Pochi minuti dopo l'imbarco, all'altezza dei Giardini, verso le 16.50 è scattato il controllo. Una donna, accertatrice di bordo, ha invitato Papa ad alzarsi spiegando che quel posto non era idoneo. Ma lui si è rifiutato. A quel punto il controllore ha chiesto all'utente di esibire il suo abbonamento che è risultato regolare. Ma comunque è scattata la multa. E' stato contestata a Papa la violazione dell'articolo 25 di un Decreto numero 753 del Presidente della Repubblica, che disciplina alcune norme relative alla sicurezza e al decoro nel trasporto pubblico di linea. Multa è ancora conteggiata nelle vecchie 15 mila lire aggiornate ora a 7 euro e 75 centesimi l'entità minima della sanzione...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 21 Ottobre 2017, 09:26






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Multato sul vaporetto: si era seduto per sbaglio al posto delle valigie
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 25 commenti presenti
2017-10-24 11:28:28
non si era seduto "per sbaglio"... si era rifiutato di rialzarsi e cambiare posto! probabilmente pensava di essere a casa sua e che la dipendente ACTV fosse sua moglie o sua figlia!... insomma, uno dei tanti cafoni che troviamo quotidianamente sui mezzi PUBBLICI!...
2017-10-23 16:42:22
Vista la solerzia con cui ha compilato il verbale mi chiedo quanti soldi hanno promesso a questi "controllori" per ogni verbale emesso...in Italia si può fare ricorso prima bisogna pagare l'ammenda e poi ci si può rivolgere all' organo designato per un eventuale risarcimento...la percentuale che spetta all'ispettore o controllore non viene invece contestata e viene riconosciuta una commissione che esula dal risultato del ricorso...mi chiedo se oltre ad avere una buona conoscenza del codice civile abbia mai preso lezioni di buone maniere e magari di italiano e inglese visto che siamo in una città metropolitana..sentirvi dare spiegazioni ai turisti è imbarazzante perchè l' unica cosa che sapete dire...you pay? VERGOGNATEVI
2017-10-23 18:27:09
Questa contravvenzione assomiglia a quelle comminate a chi non passava alla macchinetta il proprio abbonamento: violazione di direttive aziendali che non provoca nessun danno ne' disagio ad alcuno. L'occhiuta controllora ha inteso far pesare il proprio potere: verra' certamente promossa (ai lavori sedentari) e la contravvenzione verra' cassata.
2017-10-22 16:17:24
Però che bravi, fossero così solerti con le rom borseggiatrici!
2017-10-22 13:23:56
Vorrei conoscere il nome di questo controllore.Sono sicuro che è una donna.