Macabro avvertimento nell'oasi Lipu: gabbiano reale inchiodato a un cartello

Macabro avvertimento nell'oasi Lipu: gabbiano reale inchiodato al cartello

di Lorenzo Mayer

PELLESTRINA - Il corpo di un gabbiano reale inchiodato a uno dei cartelli segnaletici della riserva naturale di Ca' Roman a Pellestrina. Potrebbe trattarsi di una sorta di avvertimento ai volontari della Lipu, un incitamento al bracconaggio, visto che nell'area la caccia è vietata, oppure semplicemente di una goliardata di pessimo gusto se il gabbiano fosse stato trovato già morto e non torturato e ucciso volontariamente.
L'animale è stato trovato inchiodato al cartello, ieri mattina, e che questo ha destato sconcerto e indignazione tra i visitatori che hanno effettuato la macabra scoperta. Già verso le 10 di ieri la notizia ha iniziato a diffondersi a Pellestrina. La riserva naturale è gestita da Lipu con Comune e Città Metropolitana. Un'area di pregio naturalistico che, anche in passato, ha già subito atti vandalici ed è stata esposta al rischio di progetti edilizi impattanti.
IL SOPRALLUOGO
Ieri quando il responsabile della riserva, Luca Mamprin, è arrivato per il solito sopralluogo, insieme alle due guardie zoofile Paolo Casati e Alessio Boscolo (quest'ultimo ha postato la foto sui social e ha preso servizio nel pomeriggio) già all'ingresso dell'area protetta di Ca' Roman non si parlava d'altro. Il volatile inchiodato al cartello era un'esemplare giovane quindi non ancora esperto nel volo. Va aggiunto anche il furto di una fototrappola per un valore di circa 100 euro, che rientra in un progetto di controllo della riserva e che serve anche per scattare foto a distanza ravvicinata ad animali e volatili che altrimenti non si farebbero riprendere. Non si sa per il momento con certezza, se i due fatti siano riconducibili a uno stesso autore o gruppo di persone.
LE INDAGINI
Spetterà alle forze di polizia coordinare le indagini e far luce sulla vicenda. Ma entrambi gli episodi sono stati inseriti nella stessa denuncia contro ignoti, che la Lipu ha formalizzato ieri. Sicuramente martedì sera, durante l'ultimo giro di perlustrazione delle guardie, tutto era in ordine e non mancava nulla. Perciò tutto si è consumato tra la tarda serata di martedì e la mattina di ieri molto presto. Sulla vicenda è intervenuto per esprimere tutto il suo sdegno anche il presidente della Municipalità del Lido e Pellestrina, Danny Carella: «I recenti atti di vandalismo e uccisione di animali, nonchè di furto di materiale - ha detto Carella - nell'oasi di Ca' Roman rappresentano atti deprecabili che trovano la nostra più ferma condanna. L'oasiè di rilevante importanza naturalistica e crimini del genere non possono essere tollerati in alcun modo».
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 19 Luglio 2018, 05:04






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Macabro avvertimento nell'oasi Lipu: gabbiano reale inchiodato a un cartello
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2018-07-20 20:56:03
UN SACCO DI STORIE PER UN GABBIANO MORTO.A Ma questi dlla lipu non hanno niente da fare: agli alberoni hanno speso migliaia di euro per i fraticelli,dico migliaia. poi una mareggiata ha distrutto tutto.è una lobbi solo per mangiare soldi. questi ambientalisti sono solo dei visionari . ce ne sono milioni di corcalli . uno più uno meno. andarte a lavorare e non vivere di rendita
2018-07-20 12:45:53
... l'amore per la propria terra non lo si impone per legge.. lo si insegna per nascita.. vuoi distruggere un ambiente fanne un parco ( invenzione di politici creativi per fare quel che da sempre sanno meglio fare: affari ) . non lo dico io ( che comunque posso farlo per esperienza vissuta ) ma i fatti.. la natura per sopravvivere o comunque vivere al meglio ha bisogno soprattutto del disinteresse dell'uomo.. chi ha destinato l'uomo a custode universale del creato ha commesso un grande errore. fidarsi di quest'ultimo.. piantate un albero e il vostro essere stati non sarà stato vano.. questo sarà il vostro parco.. non l'albero ma il gesto..
2018-07-20 12:02:48
... è solo scritto che è la casa comune nella sua interezza da salvaguardare ( dovere etico oltre che eco di ogni uomo ) e non piccole zone che tra l'altro saranno comunque distrutte esse stesse ( leggi valorizzate ) .. i parchi, le riserve tutto ciò che volete vanno nella direzione opposta.. sono aree speculative per eccellenza ( tutto è vietato a tutti e tutto è permesso a pochi ).. e dove si specula la natura soffre.. un giorno si è presentata una signora ( anticaccia, verde, verdissima ed arancione ) in parlamento con una cicogna impallinata.. si è poi scperto che i pallini non erano dei cacciatori... ma... ogni cosa ha un suo senso basta vederla da tantissimi lati ovvero. ragionare con la propria testa e non con quella massiva ammassata all'ammasso della ragione...
2018-07-20 11:20:51
LEGGERE QUESTE NOTIZIE FA MALE, MA MOLTO MALE. Per due motivi principali: il primo è il gesto vigliacco di qualche FdP; il secondo perchè a ruota arriva il latrato francese che fa la morale senza mancare di offendere dove mangia.
2018-07-20 15:23:34
caro amico ti informo che mangio a casa mia in FRANCIA e non in itagglia, non ho bisogno del vostro pappone.....rodi di meno, un abbraccio...hahahahahaahahahaha..ciao enrico..ciao.