Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Scoppia la lite tra bande rivali in un appartamento a Jesolo: tre accoltellati in ospedale

Mercoledì 22 Giugno 2022
I soccorsi
8

JESOLO ( VENEZIA)  - Tre persone hanno riportato ferite di arma da taglio al termine di una lite avvenuta intorno alle  5 di questa mattina, 22 giugno, in un appartamento a Jesolo:  l'accoltellamento sarebbe stato causato da motivi futili tra due gruppi di etnia albanese e italiana

Un’azione punitiva sarebbe la pista su cui starebbero lavorando gli inquirenti mentre pare esclusa l’ipotesi della rapina:  il portoncino d’ingresso dell’appartamento non presentava effrazioni. Alla base potrebbe esserci una questione di suddivisione del territorio tra bande concorrenti, per il controllo del mercato della  droga.

Il fatto è avvenuto in piena notte, in un condominio di via Nautili, chiamato “Casa Ester”. E’ una stradina che fa da collegamento tra le vie Aquileia e via Bafile, a pochi passi da piazza Carducci, in quella che potrebbe esserre considerata come una posizione centrale del Lido di Jesolo, particolarmente frequentata. 

La dinamica

Alle 5 viene dato l’allarme, facendo intervenire l’ambulanza del Suem 118, quindi Carabinieri e Polizia, per cui si presume che la lite sia scoppiata poco prima: i cinque giovani erano pronti a tutto e ad un certo punto sono saltati fuori i coltelli. Ed è stato il caos. Dei tre nessuno è riuscito a salvarsi dai fendenti. La calma è tornata solo quando il gruppo è scappato, facendo perdere le proprie tracce. I tre hanno chiamati i soccorsi ed in pochi minuti via Nautili si è riempita di sirene, tra ambulanza, carabinieri e polizia.Le indagini, seguite dai militari dell'Arma, sono coordinate dal pm Giorgio Gava.

Ultimo aggiornamento: 23 Giugno, 10:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci