Brugnaro contro Elton John: «Vuoi
salvare Venezia? Fora i schei!»

PER APPROFONDIRE: brugnaro, elton john, gender, schei, venezia
Elton John e Luigi Brugnaro
VENEZIA - «Caro Elton John & compari vari. La sfido a donare risorse vere per salvare Venezia. Passiamo ai fatti, fora i schei Elton John!».









Così su Twitter il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, replica alla popstar inglese che l'aveva attaccato sulla vicenda del ritiro dei libri gender dalle scuole. Elton John è in qualche modo un "veneziano", avendo casa da anni all'isola della Giudecca.



Intanto anche il regista Gabriele Muccino si iscrive alla lista dei "difensori" di Venezia. Dopo gli affondi di Adriano Celentano ed Elton John contro il sindaco Luigi Brugnaro rispettivamente per una mostra, sulle grandi navi, rinviata e sulle favole gender bandite dal Comune, ecco il cineasta romano che su twitter ha definito i veneziani "ingordi".



A due settimane dalla Mostra del Cinema Muccino ha ricordato una frase di Indro Montanelli di 40 anni fa secondo il quale «Venezia verrà uccisa dai veneziani e la loro ingordigia molto prima che dall'acqua alta». Già nel 2013 il regista lanciò una petizione, che raccolse 100mila firme, contro le grandi navi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 18 Agosto 2015, 16:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Brugnaro contro Elton John: «Vuoi
salvare Venezia? Fora i schei!»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 69 commenti presenti
2015-09-03 02:38:02
Mi fa piacere questo cambio di posizione. Buone cose.
2015-09-02 00:00:29
Non ho mai sostenuto quello che mi attribuisce, come potrà facilmente verificare. Il suo approccio al tema non è sereno, mi spiace.
2015-08-31 21:12:04
Le ricordo che si sta parlando di coppie omosessuali ( o più persone) che vantano il diritto di avere figli, quindi di adottarli o di comprarli (in natura riuscirebbero a farli solo di legno), indipendentemente dei diritti dei bambini di avere un papà ed una mamma. Magari (come nel caso di Venezia) volendo cambiare anche il diritto degli eterosessuali di essere chiamati mamma e papà, sostituendo l’appellativo con “genitore n. 1, genitore n. 2, ….”. E’ di questo che si sta “cianciando” . Qualcuno (come lei) sostiene che anche gli omosessuali possono adottare (o comprare) bambini indipendentemente dai diritti dei bambini; altrimenti ci sono questi (inspiegati) fenomeni di omofobia o razzismo. Di questo come vede c’è il vuoto assoluto e l’ignoranza regna, sovrana. C’è solo qualche intelligentone che riesce a masturbare la tastiera producendo montagne di dislike (pollice verso il basso) senza un minimo di argomentazione e come vede senza nemmeno sapere di cosa si sta parlando. P.S. Io i consigli gli do a tutti, spetta alle persone intelligenti saperli cogliere, non si preoccupi, non la considero un compagno di osteria, non vorrei offendere i compagni di osteria.
2015-08-25 16:58:29
Quindi, se per gli omosessuali che fanno o che hanno fatto figli con una persona di sesso opposto non vede il problema, e concordato che non possono fare figli con persone dello stesso sesso, di cosa è andato cianciando finora ? Qual'è il problema che la attanaglia al punto di voler mettere il becco nelle vite degli altri? P.S. Mantenga per se i suoi consigli. Non sono né suo fratello, né un suo compagno d'osteria, eviti quindi di scambiare la mia bonomia ed educazione per debolezza che la autorizza ad insultare.
2015-08-25 11:27:26
Gli omosessuali sono generalmente fertili e possono generare figli, ma non da soli, solo con una persona di sesso opposto (spero tu sia d'accordo), non sono figli ne di un dio minore ne di un dio superiore e se lo facessero non vedo problemi di "eugenetica bugnariana". Una parte di omosessuali si scopre tale quando ha già figli, ma guarda caso sono figli che hanno già una mamma ed un papà (a meno che non si possa comprare e vendere figli). Un consiglio eviti di continuare a manifestare le sue idee con stupidi insulti ed illazioni, così riuscirà a valorizzare un poco meglio il suo pensiero staccandosi dalla bassezza della categoria.