I genitori di Lisa al processo:
«Minacciava di portar via la bimba»

Lunedì 3 Febbraio 2014
Uno striscione in memoria di Lisa Puzzoli
Lisa Puzzoli, la giovane di 22 anni uccisa a coltellate sull'uscio di casa dall'ex fidanzato Vincenzo Manduca a Basiliano, aveva paura di perdere la sua bambina. Lo hanno ripetuto più volte, questa mattina, i genitori della ragazza, ascoltati come testimoni dell'accusa nel processo che vede Manduca imputato per l'omicidio.

«La minacciava di portarle via la bambina. Aveva paura che gliela portasse via», ha ripetuto più volte mamma Mariella, ricostruendo i rapporti tra la figlia e l'ex fidanzato.

Le testimonianze si sono concentrate in particolare su un episodio, avvenuto il primo settembre 2012, quando la bimba della coppia venne chiusa per un paio d'ore nell'auto del padre, davanti alla casa della mamma a Basiliano, per cui Manduca è stato accusato anche di sottrazione di minore e sequestro di persona.




Tutti i dettagli sul Gazzettino del Friuli di martedì 4 febbraio 2014.
Ultimo aggiornamento: 17:37

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci