Evade dai domiciliari a due giorni dalla fine della pena: torna in cella

PER APPROFONDIRE: domiciliari, evasione, fine pena, udine
Il carcere di Udine
UDINE - Sorpreso due volte negli ultimi mesi fuori dalla propria abitazione in violazione delle prescrizioni del regime di detenzione domiciliare, perde il beneficio di poter scontare la pena a casa e viene arrestato a due giorni dal termine della condanna. È successo giovedì sera a Udine. Protagonista della vicenda, un cittadino tunisino di 30 anni, residente in città.

L'uomo aveva ottenuto la possibilità di scontare in detenzione domiciliare - con il permesso di uscire per recarsi al lavoro - una pena a 6 mesi, per reati contro il patrimonio commessi in provincia di Udine. In due occasioni, il 24 giugno e l'8 agosto scorsi, gli agenti della Polizia lo avevano sorpreso fuori dalle mura domestiche. Denunciato nel primo caso, arrestato nel secondo per evasione, l'uomo era stato riportato subito ai domiciliari. Nel frattempo il magistrato di sorveglianza ha avviato la procedura della revoca per la detenzione domiciliari. L'iter è terminato ieri con l'emissione di un ordine di carcerazione eseguito intorno alle 21.30 dalle Volanti. Rientrato a casa dal lavoro, l'uomo è stato condotto in carcere a Udine da dove uscirà domani, 8 settembre, per la fine della pena.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 7 Settembre 2018, 16:16






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Evade dai domiciliari a due giorni dalla fine della pena: torna in cella
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-09-11 20:16:42
quindi si farà 2 giorni di carcere .... vitto alloggio pagato dai soliti noti ...
2018-09-09 08:22:52
Cioè il reato di evasione non porta ad una pena aggiuntiva, ma solo al trasferimento. Italia: paese del bengodi dei delinquenti...
2018-09-08 23:23:57
Il vero simbolo dell'Italia e' pulcinella ...
2018-09-08 02:19:37
Subito in Tunisia. Al volo
2018-09-07 21:25:33
Evidentemente era impaziente di tornare alle sue abitudini lavorative per pagarsi le pensioni