«Stato assente»: il giudice veneto che ha deciso di girare armato

PER APPROFONDIRE: angelo mascolo, armato, treviso
Angelo Mascolo

di Paolo Calia

TREVISO - «Lo Stato ha perso completamente e totalmente il controllo del territorio». Fatta questa considerazione, il giudice trevigiano Angelo Mascolo annuncia la sua decisione di volersi armare: «Come giudice sono autorizzato a tenere una pistola - precisa - non l'ho mai fatto fino a oggi, ma adesso ho deciso di armarmi. Per sicurezza. L'altra sera sono stato protagonista di un episodio che mi ha spaventato. Dopo aver ultimato un sorpasso, un'auto ha iniziato a farmi i fanali e seguirmi. Ho avuto paura. Per fortuna ho trovato una pattuglia dei carabinieri e ho chiesto il loro aiuto. Ma se non avessi trovato nessuno? Cosa sarebbe accaduto?».

Le parole del giudice hanno scatenato il putiferio. L'Associazione nazionale magistrati reagisce con durezza: «La giunta veneta dell'Associazione resta sgomenta dinanzi alle esternazioni pubbliche del collega Angelo Mascolo e se ne dissocia e si riserva di interessare il collegio dei probiviri per le valutazioni disciplinari». E ancora: «I magistrati veneti, a differenza del collega Mascolo, credono profondamente nello Stato e si impegnano ogni giorno a difenderlo e a difendere tutti i cittadini senza ricorrere alla violenza o alle forme di vendetta e omicidio che il collega Mascolo richiama a sproposito e pare anzi auspicare»...

 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 25 Marzo 2017, 09:44






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Stato assente»: il giudice veneto che ha deciso di girare armato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 42 commenti presenti
2017-03-29 14:01:30
A me lo Stato sembra sia fin troppo presente. Prova ad esempio a non emettere uno scontrino.
2017-03-25 21:33:22
Questo giudice mi ha fatto tronare in mente un film western dove un cowboy accompagna nell'estremo ovest degi USA un giudice. Non mi ricordo in quale circostanza il giudice passa a miglior vita e il vaccaro si deve sostituire al giudice per affrontare un processo importante. Il semianalfabeta con l'aiuto di una donna nelloa notte si legge metà del codice e le carte processuali del giudice ed il giorno dopo affronta con successo il preocesso e fa un figurone. Qualcuno si ricorda di questo film e mi dice quale era il titolo? Questo giudice è da dichiarare: "Santo subito!" Questo giudice mi ha fatto tronare in mente un film western dove un cowboy accompagna nell'estremo ovest degi USA un giudice. Non mi ricordo in quale circostanza il giudice passa a miglior vita e il vaccaro si deve sostituire al giudice per affrontare un processo importante. Il semianalfabeta con l'aiuto di una donna nelloa notte si legge metà del codice e le carte processuali del giudice ed il giorno dopo affronta con successo il preocesso e fa un figurone. Qualcuno si ricorda di questo film e mi dice quale era il titolo? Questo giudice è da dichiarare: "Santo subito!"
2017-03-25 20:55:14
E' lo stato d'animo di tutti noi cittadini, con questo non voglio dire di armarci ma è così. Naturalmente tanti politici che girano con la scorta consigliano di non armarci.
2017-03-25 20:26:31
... magari lo stato fosse assente.. è sin troppo presente ma dalla parte sbagliata..
2017-03-25 19:47:24
Che lo stato sia assentein molte situazioni e' risaputo. Che poi ci si debba comprare la pistola, non credo sia la oluzione giusta. Credo che si dovrebbe fare un'altra cosa: tagliare i banditi, ossia politica e diverse istituzioni mangiasoldi.