«C'era anche un parlamentare ​"romano" tra gli amanti di Sofiya»

Sofiya Melnik
CORNUDA - A ognuno dei suoi uomini Sofiya Melnik raccontava i dettagli della sua esperienza di vita, pagine romanzate di vicissitudini umane patite prima in Ucraina e poi in Italia fino al riscatto. Tra i suoi partner anche un deputato, quello che a Placido Muageri, il medico di origine siciliana arrivato ultimo tra le fiamme della 44 ucraina, disse di chiamare "il romano". Retroscena questo contenuto nei verbali in mano agli inquirenti. 

LA RIVELAZIONE
Un uomo potente e influente, il romano non una figura di piccolo cabotaggio, con un fratello imprenditore a Bologna. E proprio nell'azienda di quest'ultimo Sofiya, allora in difficoltà economica tanto da aver dovuto cercare un alloggio di fortuna insieme alla madre dopo aver lasciato la loro abitazione per mancanza di soldi, trovò lavoro come traduttrice. Lo racconta agli investigatori proprio Maugeri quando rintraccia la sua relazione con la Melnik. Secondo l'ortopedico tra il romano che sedeva sui banchi della Camera e Sofiya la relazione va avanti fino a quando lui viene operato. E' una versione molto diversa da quella che la donna avrebbe invece raccontato al geologo bolognese di cui è stata intima negli ultimi nove anni. «A me - spiega l'uomo- disse che quel deputato era diventato un problema. Non è entrata nei dettagli ma Sofiya mi riferì che, per chiudere definitivamente, gli disse che voleva sposarsi e che quindi doveva interrompere le loro frequentazioni». 
 
 


LE BUGIE
Sembra proprio che per ciascuno dei suoi amanti, di cui Pascal Albanese sarebbe stato sempre a conoscenza, Sofiya avesse una storia pronta e confezionata. E tante bugie, con cui si districava in quel ginepraio di rapporti uno sovrapposto all'altro dove l'unica cosa vera erano le generose elargizioni dei suoi amanti: il mutuo pagato dal geologo, la ristrutturazione della casa e i regali da parte di Maugeri, l'acquisto dell'appartamento di Cornuda per la madre come presente dell'anziano medico in pensione con cui si frequentò per qualche tempo, lo stesso che poi la presentò allo stesso Maugeri. Forse solo il contenuto degli otto dischi fissi trovati nella casa dove viveva con Pascal potrebbe dissipare le nebbie intorno alla vera Sofiya. Ma quando è stato il momento di esaminare quei supporti di memoria elettronica si è scoperto che la gran parte era stata formattata da una mano esperta, che aveva utilizzato un software che non permette di recuperare nessuno dei dati cancellati. 
(de.bar.-vdz)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 21 Settembre 2018, 20:36






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«C'era anche un parlamentare ​"romano" tra gli amanti di Sofiya»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2018-09-23 10:29:26
Mah, bisognerà vedere se si riuscirà a venire a capo di tutto l'inghippo. Un ' ipotesi è che sia Sofiya che Pascal fossero invischiati nella detenzione e spaccio di cocaina, ad esempio, e che abbiano fatto uno sgarro a qualche spacciatore di alto livello. Questo spiegherebbe le loro morti violente. Quanto agli uomini scelti da Sofiya, hanno volontariamente deciso di frequentare la donna e quando si è adulti si è responsabili delle proprie azioni. La solitudine è una brutta bestia, ma uno deve essere cauto e riflettere.
2018-09-22 22:20:32
Lungi da me dall'essere una bigotta....e se una ragazza/donna mi dicesse che ha deciso di fare la escort non batterei ciglio...in fin dei conti ognuna col suo corpo fa' cio' che vuole...ma..cara tabitha...questa Sofiya non era una prostituta...perche' una prostituta che vende il suo corpo per soldi ha piu' dignita' di questa Sofiya che si prendeva gioco dei sentimenti che gli uomini che frequentava provavano per lei... Provo molta pena per gli uomini che si sono innamorati di lei e che magari pensavano di essere l'unico che la teneva fra le braccia...vedi il dottor Maugeri(tanto che aveva fatto passare il marito per il cugino)...al quale gli fu presentata da un altro vecchio medico in pensione che l'ha frequentata per un po' di tempo... A qualcuno di loro saranno girati i cabasisi di essere stati presi per il lato b senza vasellina e magari fatto un gesto inconsulto...o chissa' cosa c'e' dietro...tutto e' possibile anche che abbia detto ad uno dei suoi amanti se non fai questo...lo dico a tua moglie....o qualcuno che le ha rivelato troppo...cose scottanti...per poi pentirsene...mi fanno specie anche quegli otto dischi che non permettono di recuperare i dati...
2018-09-22 22:10:43
Il problema adesso si ingarbuglia...avendo tanti amanti..questo lo abbiamo capito...ma la questione si complica...se erano 2..o e zuppa o pan bagnato..ma qua non si sa bene ancora quanti..e allora ..e anche difficile stabilire indagare..capire. MA NOI VOGLIAMO SAPERE CHI È STATO! QUANDO VERRÀ FUORI LA VERITÀ? PERCHÉ HANNO UCCISO ANCHE PASCAL. PERCHÉ POTEVA PARLARE?
2018-09-22 18:32:10
Dunque, è evidente che questa Sofiya fosse abituata a monetizzare la propria avvenenza e che Pascal ne fosse perfettamente a conoscenza. Probabilmente è entrata in contatto con un delinquente e il gioco erotico si è trasformato in altro, anche perchè probabilmente c'erano di mezzo altri intrallazzi al di là della prostituzione di cosiddetto "alto bordo".
2018-09-22 17:30:28
Della serie: la do via come non fosse mia!!!