Beni per 22 milioni sequestrati all'ex facchino e moglie del Marocco

Lunedì 6 Marzo 2017
11

FERRARA - Maxisequestro della guardia di finanza di Ferrara ad una coppia di imprenditori marocchini, ma in Italia da oltre 10 anni. L'intervento delle fiamme gialle riguarda beni per oltre 22milioni, comprendenti una villa con piscina a Rovigo, altre case a Occhiobello e strutture residenziali a Roma, nel quartiere di Saxa Rubra, e nel cesenate un complesso di 20 appartamenti a Crocetta di Longiano, oltre ad una maxivilla a Ferrara e immobili in provincia, tra Copparo e Poggio Renatico.
Dall'inizio delle loro attività nel 2007, nel settore dei servizi, logistica e handling, hanno denunciato redditi per 1 milione di euro mentre secondo le Fiamme gialle hanno accumulato beni per oltre 22 milioni, frutto di illeciti fiscali, una maxifrode continuata per anni.
I due coniugi erano stati domicliati a Occhiobello, 41 e 36 anni, lei laureata in economia e commercio, lui ex facchino che ha creato dal nulla un piccolo impero economico nel settore delle società di servizi. Le verifiche hanno portato alla luce una sproporzione tra i redditi dichiarati e i beni accumulati, probabile frutto di illeciti fiscali.

Ultimo aggiornamento: 19:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA