Pd spaccato, Emiliano: «Non votate decreto che salva le banche venete»

Lunedì 3 Luglio 2017 di Diodato Pirone
38

Con una lettera inviata a senatori e deputati del Pd, ai componenti dem del governo e al segretario del Pd Matteo Renz, il governatore pugliese Michele Emiliano apre un nuovo fronte di polemica dentro il Pd.

A finire nel mirino di Emiliano è il decreto sulle banche venete che "tradisce i risparmiatori, abbandonando completamente al loro destino centinaia di migliaia di piccoli azionisti e di obbligazionisti subordinati e comporta per lo Stato un onere spaventoso e, nella sostanza, in larga parte non recuperabile".

"Io credo - aggiunge Emiliano - che il Partito democratico abbia la responsabilità di chiedere al ministro dell'Economia, Piercarlo Padoan di spiegare le ragioni che hanno condotto il governo Gentiloni a presentare senza alcun confronto preventivo il decreto legge al Parlamento con una sorta di ricatto implicito: 'approvarlo così oppure salta tutto'. Questo è inaccettabile e la responsabilità non è certo di Banca Intesa trascinata dal ministero dell'Economia, fuori tempo massimo in questa condizione".

"Sarebbe opportuno capire dal ministro dell'Economia e dal Governo nel suo insieme - insiste Emiliano - se e come si sono confrontati con l'intero sistema delle banche italiane facente capo ad Abi, quale interlocuzione c'è stata con le autorità indipendenti a partire da Bankitalia fino alla stessa BCE e quali sono state le risposte formali e ufficiali avute dalla Commissione Europea in questi mesi".

Ultimo aggiornamento: 4 Luglio, 17:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci