Cadavere di neonato in un sacchetto Lasciato in un'azienda di rifiuti

PER APPROFONDIRE: cadavere, ditta, ecopate, morto, musile, neonato
Cadavere di neonato in un sacchetto  ritrovato in una azienda di rifiuti  I carabinieri: «Cerchiamo testimoni»
MUSILE DI PIAVE - Un cadavere di neonato è stato rinvenuto ieri all'interno di un'azienda di Musile di Piave, la Ecopatè, in via dell'Artigianato. La ditta si occupa di trattamento rifiuti per parte del Nord Italia. L'allarme è stato lanciato dagli operai addetti al compattamento. La notizia è stata resa nota solo oggi. 

Il cadaverino si trovava in un sacchetto in avanzato stato di decomposizione: sarebbe stato rinvenuto durante il trattamento dei rifiuti, quindi lasciato probabilmente in un cassonetto. Possibile anche che arrivasse da fuori regione. L'azienda opera con tutto il Nord Italia. 

Le indagini affidate al Nucleo investigativo dei carabinieri di Venezia con i colleghi di San Donà. Attivati anche i Ris di Parma per l'analisi del Dna della piccola vittima.

 Il neonato  aveva ancora il cordone ombelicale attaccato. I carabinieri chiedono la collaborazione dei cittadini per eventuali testimonianze.

«L'azienda in questione tratta rifiuti che arrivano da diverse zone d'Italia e quindi il piccolo corpicino potrebbe non provenire da Musile e neppure dal sandonatese» precisa il sindaco, Silvia Susanna. Poi si dice «sconvolta per la notizia» e sottolinea che «al momento non si conoscono le motivazioni che hanno portato ad un simile comportamento. Quanto accaduto deve far riflettere  soprattutto se legato ad eventuali disagi sociali di cui ancora non siamo a conoscenza».

+++ I particolari sul Gazzettino del 6 Novembre +++ 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 5 Novembre 2017, 11:53






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Cadavere di neonato in un sacchetto Lasciato in un'azienda di rifiuti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2017-11-05 19:45:52
Ogni donna che rimane incinta senza volerlo e non vuole o non può tenere il bambino può decidere di non riconoscerlo partorendo in anonimato in ospedale e il bambino sarà affidato ad una famiglia desiderosa di avere un figlio in meno di un mese. Evidentemente questa legge non è molto conosciuta.
2017-11-06 09:26:11
Oppure semplicemente ignorata, da gente bestiale.
2017-11-05 19:20:03
pneumatico con 3p per vedere come trattiamo i rifiuti prova a scavare sotto la A4 o sotto la Valdastico sud o sotto la pedemontana in costruzione o a Piazzola sul Brenta col cromo esavalente o a Trissino con i Pfas o nel trevigiano col mercurio ecc ecc. Un bel tacer non fu mai scritto!
2017-11-05 16:45:07
Che barbarie!
2017-11-05 16:09:03
Chi ha commesso questo ignobile infanticidio che sia nostrano o di un altro stato ha poca importanza... dev'esser punito esemplarmente.... e per come la penso io a quest'assassino bisogna farlo soffrire le pene dell'inerno prima di morire... e con lui i buonisti che cercano di difenderli.-