Brigata Alpina Julia, disinnescato
un proietto con 30 chili di esplosivo

Martedì 7 Giugno 2016
2
TRENTO  - Un proietto da bombarda da 240 millimetri della Prima Guerra mondiale, contenente  ben 30 chili di alto esplosivo, è stato neutralizzato oggi dagli Artificieri dell'Esercito. Il residuato bellico individuato a Pieve di Bono durante i lavori per il miglioramento della viabilità  nella Valle del Chiese, era utilizzato per creare un varco nei trinceramenti e barriere di fili spinati nemici e permettere, quindi, l'assalto diretto alle postazioni.

Con l'operazione Bombarda i genieri della Brigata Alpina Julia hanno rimosso in sicurezza il residuato esplosivo dal luogo del ritrovamento e l'hanno distrutto definitivamente nei pressi di Storo. Per poche decine di minuti la parte terminale della strada statale 240 è rimasta chiusa al traffico.
Ultimo aggiornamento: 20:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA