Botte e cinghiate: «Io avevo 15 anni e lui 24, lo faceva poi si scusava»

PER APPROFONDIRE: botte, donne, pordenone, violenza
Botte e cinghiate: «Io avevo 15 anni  e lui 24, lo faceva poi si scusava»

di Susanna Salvador

PORDENONE - «Buonasera, sono Francesca», e stringe la mano senza mai smettere di sorridere. Come dire «guarda, ce l'ho fatta ad attraversare l'inferno e a rinascere». Accanto a Francesca (nome di fantasia) c'è Maria De Stefano, presidente di Voce donna, associazione di volontariato che aiuta le donna che subiscono violenza con progetti personalizzati.

Di Francesca, italiana e residente nel pordenonese come il suo aguzzino, so che è stata vittima di violenze di ogni genere. «L'ho conosciuto a un corso di ballo, io avevo 15 anni, lui 24 anni; il feeling è stato immediato. Mi telefonava di continuo, controllava il mio telefono e voleva sapere sempre dove ero, con chi e cosa facevo». La luna di miele si interrompe quando Francesca compie 18 anni e la relazione esce allo scoperto. «I miei genitori lo conoscevano già, ma non sapevano che era il mio ragazzo». Un giorno Francesca non risponde perché sta sostenendo un esame all'università, lui non crede alla sua giustificazione e la picchia in strada. «Mi pizzicava il viso e mi picchiava nelle parti del corpo coperte da vestiti, così nessuno vedeva i segni». Pugni, calci. La picchia pure con la cintura. «Mi prendeva a cinghiate anche davanti a sua madre e alle sue sorelle. Una volta mi ha strappato i vestiti, compresa la biancheria intima, e mi ha picchiato con la cintura senza che nessuno intervenisse per difendermi. Solo sua sorella quando è finito tutto, mi ha portato un asciugamano per coprirmi. Sua mamma mi diceva che "ero io a sbagliare"...»...


 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 14 Gennaio 2018, 12:28






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Botte e cinghiate: «Io avevo 15 anni e lui 24, lo faceva poi si scusava»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2018-01-15 09:41:59
La madre e le sorelle testimoni di lui che usa la cinghia su di lei nuda; mi rifiuto di credere che siano italiani, che vivano a Pordenone ok, ma Italiani no e se lo sono non hanno diritto di abitarci in Italia per la loro totale ignoranza e vigliaccheria Queste persone non hanno il diritto di vivere in un paese civile. Spero si facciano i nomi e che tutti coloro che li conoscono facciano sapere loro qual'è il pensiero civile!
2018-01-14 20:34:18
un' italiano..........???????????? forse e un caso sporadico rispetto ad altre entenie ,anche molto sporadico
2018-01-14 16:04:58
E questa sopportava in silenzio?
2018-01-14 15:51:10
Adelmo Adelmi: mai letto qualcosa di psicologia spicciola? Evidentemente no
2018-01-15 04:22:26
Io no. E lei?