Caos vaccini a scuola, la campagna si ferma: spunta una circolare del ministero, ecco cosa dice

Giovedì 18 Febbraio 2021
Un'aula vuota

PORDENONE E UDINE - Deve essere il ministero dell'Economia a contattare il sistema sanitario per le vaccinazioni degli insegnanti e del personale non docente. Non devono essere questi ultimi a comunicare l'adesione al proprio dirigente scolastico. Lo chiarisce in una circolare inviata alla Regione Fvg il ministero dell'Istruzione.

Il problema è quello del trattamento dei dati, come già anticipato. Ora la campagna vaccinale dedicata ai circa 20mila dipendenti della scuola in regione si blocca in attesa di chiarimenti ulteriori. 

LA REGIONE

"La Regione, anche attraverso l'intervento diretto del governatore Fedriga, si sta confrontando con il Ministero della Salute e la struttura commissariale guidata da Domenico Arcuri per evitare che la posizione assunta dal Ministero dell'Istruzione nelle scorse ore in merito alle modalità di adesione degli insegnanti alla campagna vaccinale contro il Covid-19 possa pregiudicare l'avvio della stessa in Friuli Venezia Giulia". Lo hanno rimarcato il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute Riccardo Riccardi e l'assessore regionale all'Istruzione, Alessia Rosolen, evidenziando che "la circolare del Ministero dell'Istruzione impone l'utilizzo di una piattaforma informatica che non è adottata da tutte le Amministrazioni regionali, bloccando di fatto l'avvio della campagna vaccinale del personale scolastico nelle regioni. Si tratta di una rigida presa di posizione che dimostra una conoscenza parziale della realtà italiana e non tiene conto della situazione in cui si trova il Paese. Auspichiamo quindi che possa essere superata al più presto per non penalizzare gli insegnanti e il personale scolastico del Friuli Venezia Giulia, mettendo inutilmente a rischio sia la loro salute sia quella degli studenti e delle loro famiglie". In merito alla tutela della privacy e dei dati personali del personale scolastico, Riccardi e Rosolen hanno rimarcato che "la raccolta delle adesioni alla campagna vaccinale da parte dell'Ufficio scolastico regionale e degli istituti deve avvenire secondo modalità previste della normativa vigente. La Regione si confronterà quindi con i soggetti interessati per fornire il proprio supporto anche in questo frangente e far sì che le adesioni vengano trasmesse attraverso il medico competente, che svolge proprio la funzione di raccordo tra il sistema sanitario regionale e il datore di lavoro, in questo caso gli istituti scolastici".

Ultimo aggiornamento: 18:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA