L'autista del furgone diretto in Romania era un trafficante di coca ricercato dal 2014

PER APPROFONDIRE: autista, cocaina, pordenone, romeno, trafficante
Pordenone.L'autista del furgone diretto in Romania era un trafficante di coca ricercato dal 2014
PORDENONE - Nella mattinata di ieri, 15 luglio, gli agenti impegnati a pattugliare la zona della prima cintura urbana, tra Pordenone ed Azzano Decimo, notavano un furgone Mercedes di colore bianco con semirimorchio e targa romena, di quelli destinati al servizio privato di trasporto di persone e merci sulla tratta Italia-Romania.

Gli agenti valutavano, quindi, di effettuare un più approfondito controllo del mezzo e sugli occupanti intimando l’alt al furgone. Sullo stesso venivano trovate 10 persone di nazionalità romena che, con i loro bagagli e merci caricati sul semirimorchio, si stavano recando in Romania. In particolare, dalle attività di Polizia emergeva come il conducente del mezzo, un 51enne cittadino romeno, risultava essere gravato e colpito da un ordine di carcerazione, in quanto destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Brescia in data 31 gennaio 2014. In particolare l’uomo risultava essere gravemente indiziato per reati concernenti il traffico e lo spaccio di sostanze stupefacenti ex artt. 74 e 73 del D.P.R. 309/90, coinvolgimento accertato nell’ambito dell’operazione di Polizia Giudiziaria “Ultima Meta” grazie alla quale la Squadra Mobile della Questura di Brescia aveva disarticolato un sodalizio criminale particolarmente attivo nello sfruttamento della prostituzione oltre che nel traffico di sostanze stupefacenti del tipo cocaina che in ingenti quantitativi veniva movimentata direttamente dall’Olanda.

Il traffico internazionale e lo spaccio era ben strutturato, tanto che spesso erano le stesse ragazze a rifornire i clienti che ne facessero richiesta. Alla luce dell’accertato contesto appena descritto il furgone con tutti gli occupanti venivano accompagnati in Questura al fine di effettuare una più approfondita perquisizione ed ispezione eseguita con il supporto di una unità cinofila antidroga della Polizia di Stato, attività che dava esito negativo. Al termine delle operazioni l’arrestato è stato, quindi, ristretto presso la Casa Circondariale di Pordenone a disposizione della procedente Autorità Giudiziaria, ponendo quindi fine alla latitanza del 51enne cittadino romeno O.P.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 16 Luglio 2019, 15:16






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
L'autista del furgone diretto in Romania era un trafficante di coca ricercato dal 2014
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-07-17 11:50:58
Fa specie che un pregiudicato condannato al carcere nel 2014 sia stato lasciato in libertà in modo che per ben 5 anni se l'è spassata. Sarebbe interessante conoscere il nome del giudice che ha combinato il pasticcio, giudice che andrebbe gravemente sanzionato e sottoposto a perizia psicologica per accertare se sia adatto a svolgere una funzione così delicata ed imposrtante. Ma il CSM, in tutt'altre faccende affacendato (parafrasando il Giusti)è molto impegnbato i nei suoi loschi affari. Veramente bravi!!
2019-07-16 19:25:09
Gia' il "trasporto privato di persone e merci" e' una presa in giro. Le strade sono piene di minivan (se va bene) o "furgoni attrezzati" con enormi rimorchi per bagagli che scorazzano su e giu' in barba a ogni legge e regolamento sul trasporto passeggeri. Per altro sono mezzi estero-targati che NON pagano bollo, multe e spesso hanno assicurazioni e revisione farlocche. Ma tant'e'. Poi fa piacere leggere che l'italia e' un paese considerato cosi' sicuro che un soggetto del genere entra ed esce a suo piacimento NON temendo troppi controlli.
2019-07-16 15:59:59
Mi pare che la Romania vada molto di moda in questi ultimi tempi. Terra prodiga di insegnamenti ... da codice penale.