​Zuffa tra cani in pieno centro. Il proprietario morso alla mano ripetutamente

Domenica 21 Novembre 2021 di Alberto Comisso
Zuffa tra cani in pieno centro. Il proprietario rimane ferito
2

PORDENONE - Due cani uno di taglia piccola, l'altro più grande s'incrociano e iniziano a ringhiare. Poi è un momento: uno azzanna l'altro, e la lite, in pieno centro a Pordenone, diventa furiosa. A quel punto il proprietario di uno dei due animali si frappone tra loro, cercando di dividerli. Rimedia una ferita alla mano, causata da una serie di morsi ravvicinati.

I FATTI

In via Cesare Battisti, laterale di corso Vittorio Emanuele, vicino all'Ovest, ieri mattina si sono vissuti attimi di apprensione quando due cani, al guinzaglio dei rispettivi padroni, si sono azzuffati. La scena si è svolta sotto gli occhi dei passanti, che hanno chiamato il 118 visto che una persona era rimasta ferita. Sul posto anche una pattuglia della polizia locale insieme ad una volante della polizia di Stato. Gli agenti della Questura hanno provveduto ad identificare i proprietari dei due animali: un uomo e una donna con la quale c'era una bambina, apparsa visibilmente spaventata. L'episodio si è verificato poco prima di mezzogiorno quando il centro di Pordenone, essendo sabato e pure giorno di mercato, a quell'ora era pieno di persone che stavano passeggiando. Sono stati minuti difficili, con i due cani che, improvvisamente, si sono attaccati. Alla fine, per riportare la situazione alla normalità, è dovuto intervenire uno dei due proprietari che ha pure rimediato una ferita. È stato medicato sul posto da personale del 118.


IL QUADRO

Scene come quella di ieri, secondo l'avvocato Alessandra Marchi si verificano spesso. In città così come in aperta campagna. Il legale avverte subito: «Quando dei cani si sfidano, l'intervento dell'uomo tende, generalmente, a peggiorare la situazione: solitamente dopo un primo attacco si verifica una tregua. A parte che risulta sempre difficile separarli, si rischia pure di rimanere coinvolti e riportare delle ferite (come nel caso di ieri)». Il consiglio di Marchi, quindi, è di non intervenire mai. «Anzi in quelle circostanze puntualizza sarebbe opportuno anche togliere il guinzaglio, che dall'animale viene visto come un'inibizione». I cani, secondo l'avvocato, dovrebbero essere portati a passeggio fuori dal centro. «La presenza di tante persone e quindi di rumori sottolinea per loro potrebbero essere motivo di stress e tensione. A volte due animali che si incrociano (dovrebbero indossare la museruola) si guardano appena, in altre circostanza invece partono all'attacco. Del resto sono imprevedibili e lo sono anche ricorda se, solitamente, sono dolci ed affettuosi».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA