Il concorso è bloccato Infermieri in fuga in Veneto e all'estero

PER APPROFONDIRE: bloccato, concorso, infermieri, pordenone
Il concorso è bloccato Infermieri  in fuga in Veneto e all'estero

di Davide Lisetto

PORDENONE - Il concorsone regionale che dovrebbe consentire di rispondere a un'esigenza di circa cinquecento infermieri è fermo e ospedali e distretti sono in sofferenza. Personale carente con reparti che vanno in difficoltà: nel Friuli occidentale servirebbero subito almeno cinquanta infermieri, quaranta nell'Azienda sanitaria 5 e una decina al Cro si Aviano. È la denuncia del Nursind, una delle sigle sindacali di infermieri e operatori sanitari, che sottolinea l'esigenza di sbloccare una situazione ormai pesante. Il sindacato evidenzia poi il paradosso della «fuga degli infermieri in Veneto, dove i concorso vengono fatti sistematicamente, o addirittura all'estero dove si guadagna pure di più».

«L'annuncio del bando da parte della Regione - sottolinea Gianluca Altavilla, infermiere e segretario regionale del Nursind - risale al marzo del 2017, poi solo comunicazioni di rinvii. E intanto le difficoltà per la carenza di personale crescono». E l'ultimo avviso dell'Azienda 5 è proprio di una paio di settimane fa. L'obiettivo: intercettare le disponibilità a contratti a termine (la norma consente rinnovi fino a un massimo di tre anni) dei circa 130 neolaureati in infermieristica dell'Università di Udine (con corsi anche a Pordenone) che altrimenti rischiano di scappare...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 2 Gennaio 2018, 11:09






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il concorso è bloccato Infermieri in fuga in Veneto e all'estero
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-01-02 18:44:57
Non conosco i numeri ma sento dire che gli imprenditori fuggono all'estero, i laureati idem, e adesso sento che sono richiesti anche i nostri infermieri, ed è un grave danno per la nostra economia. Ma i sindacati restano sempre qua?
2018-01-02 16:39:49
I politici non hanno nessuna volontà di far presto...hanno da pensare ai fatti loro..... soldi,elezioni,Ius Soli e altro che non interessa le necessità della salute dei cittadini. ricordiamoci il 4 Marzo prossimo,smemorati!
2018-01-02 16:26:08
Sara'..intanto vedo sempre piu' infermieri albanesi rumeni, brasiliani,...che sia uno scambio alla dispari?
2018-01-02 18:06:37
Se ti riferisci agli operatori sanitari SI', ma come infermieri professionali non ne vedo proprio. Comunque sia negli ospedali che nelle case di cura ho sempre trovato operatori sanitari esteri molto validi e cordiali.
2018-01-02 12:23:50
Togliamo al più presto la sanità alle Regioni; perché continuiamo ad accettare queste disastrose gestioni in itinere, proprio sulla salute pubblica?