Vandali seriali nel posteggio in pieno centro: tagliano le gomme a dieci auto

Giovedì 16 Gennaio 2020 di Francesco Cavallaro
Posteggio di via San Benedetto
1
MASERÀ - Da poco prima delle festività ai giorni scorsi sono state tagliate dieci gomme ad altrettante auto regolarmente parcheggiate nel posteggio di via San Benedetto, nel pieno centro del paese. I proprietari hanno presentato tutti denuncia alla stazione dei carabinieri di Albignasego. Le indagini degli uomini dell’Arma, a tal riguardo, sarebbero a buon punto. La vicenda è seguita personalmente dal sindaco Gabriele Volponi, che è costantemente in contatto sia con gli stessi carabinieri che con l’Unione della polizia municipale Pratiarcati. «Tutto ha avuto inizio a metà dicembre – spiega il primo cittadino – allorché alcuni residenti, che desiderano rimanere anonimi per timore di essere nuovamente presi di mira, mi hanno segnalato questi particolari vandalismi». Una e, in qualche caso, due gomme bucate, probabilmente con un coltellino o un cacciavite. Un colpo secco e via, lontano da occhi indiscreti. Che non fosse un episodio isolato lo si è capito fin da subito poiché il danneggiatore seriale, il quale è sempre entrato in azione nottetempo, ha iniziato a colpire con una certa regolarità. Al ritmo di una macchina vandalizzata ogni tre giorni.  «Nessuno dei diretti interessati mi ha riferito di aver avuto in passato dei dissapori con chicchessia – aggiunge –. Via San Benedetto è un tranquillo quartiere residenziale, dove vi è una serie di condomini. Qui non si erano mai verificate delle criticità».

In realtà, l’autore dei vandalismi non sembra avere un criterio; fino ad ora sono state presi di mira veicoli di tutti i tipi. Peraltro nessuno degli interessati intende esporsi rispetto a marche e modelli proprio per paura di eventuali ritorsioni. «Chi dovesse sapere qualcosa si rechi alla caserma di via Milano – è l’appello di Volponi – . Così come è importante continuare a denunciare alle forze dell’ordine altri casi, casomai si verificassero da qui ai prossimi giorni.  Mi auguro comunque che il protagonista di questi fatti incresciosi la smetta immediatamente per evitare guai con la giustizia ancora più seri di quelli che già rischia adesso». La questione è esplosa pure sul gruppo facebook Sei di Maserà se. Volponi, però, chiede agli iscritti prudenza per non ostacolare le indagini in corso: «Probabilmente il delinquente è dentro al social e legge i vari post; meno informazioni facciamo girare meglio è. Lasciamo che gli inquirenti portino avanti il loro lavoro, non dobbiamo interferire in alcun modo. Non è scrivendo su facebook che riusciremo a risolvere questa criticità, ma fornendo tutti gli elementi in nostro possesso alle autorità competenti. Posso garantire che queste ultime stanno effettuando dei controlli precisi e circostanziati; si tratta solamente di aspettare».
«Fate attenzione, potrebbero essere più d’uno», uno dei commenti lasciati dagli abitanti su facebook. «Nessuna motivazione plausibile sul motivo: la sua, o la loro, è una strategia random», sottolinea un cittadino. Mentre un terzo avanza l’ipotesi di una rabbia incontrollata da parte di un abitante a motivo di parcheggi selvaggi da parte di alcuni automobilisti. Una circostanza, questa, che non è suffragata dai fatti: per l’appunto sono state danneggiate delle macchine che erano tutte correttamente parcheggiate negli spazi consentiti. «Sono fiducioso, alla fine verrà preso - conclude il sindaco – . Ormai il cerchio si sta stringendo». Ultimo aggiornamento: 08:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA